Serie A, Top&Flop della prima giornata di campionato

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui


Primo appuntamento con la rubrica “Top&Flop” che analizza i principali protagonisti della Serie A. Da Icardi a Cutrone, sono tante le note liete che l’avvio del campionato ha presentato. Male, invece, Lazio e Fiorentina, con i viola schiantati a San Siro 3 a 0 dalla squadra di Spalletti.

TOP PRIMA GIORNATA SERIE A
Icardi– Passa tutto il precampionato fuori per infortunio e poi, alla prima della stagione, piazza una doppietta che in quindici minuti spazza via la Fiorentina. Passano le stagioni ma Mauro è sempre là. E anche in Argentina, finalmente, se ne sono accorti, vista l’ultima chimata del ct Sampaoli, che ha premiato l’interista ai danni di Higuain. La sensazione è che, con Spalletti alla guida, questa possa essere la definitiva stagione della consacrazione per lui.

Dybala– Ah come gioca Dybala! Riprendendo un simpatico sketch del mitico Maurizio Mosca, non possiamo non sottolineare la fantastica prova della Joya juventina. Il nuovo 10 bianconero, nella sfida contro il Cagliari, trova un gran gol su perfetto assist di Pjanic. Nella ripresa, colpisce anche una traversa clamorosa, con uno splendido destro a giro. Dopo i due contro la Lazio in Supercoppa, è gia il terzo gol dell’argentino in appena due gare ufficiali, non male.

Leggi anche:  Insigne al Napoli festeggia 400 presenze

Cutrone– Impatto incredibile del classe ’98 con la Serie A. Alla prima da titolare, infatti, il pupillo di Montella entra in tutti e tre i gol con cui il Diavolo stende il Crotone: rigore procurato, gol di testa e assist per il 3 a 0 di Suso. Il tutto mentre il Milan annuncia su Twitter l’arrivo di Kalinic dalla Fiorentina, con Cutrone che dovrebbe andare a farsi le ossa proprio a Crotone. Sicuri sia la scelta giusta?

Mister Semplici– Esordire a Roma, contro la Lazio fresca vincitrice della Supercoppa, non era facile. Specie per una neopromossa come la Spal. I ferraresi, invece, hanno dimostrato di essere una buona squadra, guidata da un ottimo allenatore. Lo zero a zero conquistato all’Olimpico, oltre a essere un importante biglietto da visita, potrebbe risultare determinante nella lotta salvezza. Insomma, se i giocatori seguiranno le idee di Semplici, la Spal può ripetere il miracolo promozione della passata stagione, magari ottenendo una salvezza tranquilla.

Leggi anche:  Juventus-Chelsea, le scelte di Allegri senza Dybala e Morata

Milik– Nel Napoli che vince 3 a 1 al Bentegodi, la nota più lieta arriva dell’attaccante polacco. Dopo l’errore clamoroso di mercoledì sera contro il Nizza (con Milik che a porta sguarnita ha mancato il pallone), a molti ha fatto storcere il naso vedere Mertens in panchina e Milik al centro del tridente. Il polacco, invece, ha risposto con una prestazione super condita dal bel diagonale del momentaneo 2 a 0. Bentornato.

FLOP PRIMA GIORNATA SERIE A

Vitor Hugo– Difficilmente l’esordio in serie A del brasiliano avrebbe potuto essere peggiore di così. Nella disfatta della Viola a San Siro, tanto passa tra i piedi dell’ex Palmeiras. Male in chiusura, male nel posizionamento, male con la palla tra i piedi. Insomma, un debutto sfortunato per quello che dovrebbe essere il sostituto di Gonzalo Rodriguez.

Mister Pecchia– Il suo undici iniziale ha sicuramente sorpreso. Come può una squadra come l’Hellas, il cui obiettivo è lottare per la salvezza, tenere fuori il miglior giocatore della rosa e presentarsi senza una punta vera? Pazzini stesso non ha gradito, vista la polemica esultanza dopo il rigore trasformato. Per una squadra così, un attaccante come l’ex Milan e Inter è fondamentale per garantire quei dieci-quindici gol che assicurano la salvezza. Siamo sicuri, comunque, che contro il Crotone sarà Pazzini a guidare l’attacco degli scaligeri.

Leggi anche:  Infortunio Dybala e Morata: gli aggiornamenti

Lazio– Probabilmente ancora sotto i postumi del festeggiamo della Supercoppa, i biancocelesti hanno mancato l’appuntamento con i tre punti in quello che, almeno da pronostico, doveva essere un esordio abbordabile. E invece, la poca concentrazione sotto porta è costata alla Lazio due punti. Nulla di cui preoccuparsi, è solo la prima giornata. Certo, domenica prossima a Verona non si può sbagliare. Quello sì che sarebbe un problema.

Infine, una nota anche riguardo la VAR. Il suo esordio è stato positivo, con molte situazioni risolte e alcuni rigori assegnati giustamente. Non la penserà così il Torino, penalizzato da una decisione arbitrale nata proprio dalla consultazione degli schermi della VAR.

  •   
  •  
  •  
  •