Cambiasso dice basta, l’ex Inter diventa allenatore

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
cambiasso

Cambiasso si ritira, l’ex Inter farà l’allenatore

Cambiasso appende le scarpette al chiodo, farà l’allenatore. Un altro degli eroi del Triplete interista del 2010 dice basta, Esteban Cambiasso si ritira. A 37 anni El Cuchu lascia i campi da gioco per intraprendere la carriera di allenatore. Con il patentino appena conseguito (ha passato gli esami che si sono tenuti dal 4 al 6 settembre a Coverciano, spiccando anche per la lucidità della sua prova finale ed è così abilitato ad allenare in tutte le prime squadre e settori giovanili fino alla Serie C), Esteban Cambiasso formalizza una decisione scontata, sicuramente logica. Logica evoluzione di un calciatore dalla rara intelligenza che da tecnico, come detto, ha in fondo sempre ragionato. Una nuova carriera – come riporta El Clarin – per un giocatore che sul campo ha vinto tantissimo, il terzo argentino  più vincente di sempre dopo Messi e Di Stefano. Centrocampista di rara intelligenza tattica, Cambiasso ha mosso i suoi primi passi calcistici nell’Argentinos Juniors. A 16 anni il Real Madrid lo porta giovanissimo in Europa dove gioca per una stagione nella squadra B delle merengues. Viste la giovane età il Real Madrid decide di rispedire Cambiasso in Argentina, dove milita per tre stagioni nell‘Independiente. Nella stagione 2001/2002 c’è il trasferimento al River Plate dove Cambiasso resta una sola stagione.  A 22 anni il definitivo ritorno in Europa al Real Madrid dove resta per due stagioni.

Leggi anche:  Probabile formazione Spezia- Juve, le scelte di Allegri

Nell’estate del 2004 l‘Inter lo porta in Italia a parametro zero. Dopo i primi mesi non facili di ambientamento Cambiasso diventa un perno della squadra allenata da Roberto Mancini. Il salto di qualità per El Cuchu arriva con l’arrivo di Josè Mourinho sulla panchina interista. L’argentino diventa uno degli uomini fondamentali su cui lo Special One fonda la sua idea di calcio. Nella stagione 2009/2010 il capolavoro nerazzurro, con l’Inter che vince scudetto, Coppa Italia e, dopo 45 anni di attesa, la Champions League.

Cambiasso, il difficile dopo Mourinho all’Inter. Leicester e Olympiakos le ultime tappe da giocatore

Dopo il clamoroso Triplete Mourinho lascia l’Inter. Al posto del portoghese arriva Rafa Benitez, che però durerà solo sei mesi sulla panchina nerazzurra. Arriva Leonardo, ma anche il brasiliano durerà solo mezza stagione. L’Inter del post Mourinho cambia tanti allenatori, ma Cambiasso resta sempre un perno insostituibile. El Cuchu resta in nerazzurro fino al 2014, chiudendo un decennio meraviglioso con la maglia dell’Inter. Cambiasso lascia l’Italia per l’Inghilterra, dove giocherà una stagione con il Leicester. L’argentino chiude la sua carriera da giocatore in Grecia con l‘OlympiaKos, dove vince due titoli nazionali.

Leggi anche:  Perugia Calcio Femminile, Noemi Paolini: "Per me è importante portare avanti un percorso costante di crescita"

Ora per Cambiasso comincia una nuova avventura, in panchina. Uno come lui non ci metterò tanto a trovare una squadra che gli darò fiducia. E’ chiaro che per i tifosi dell’Inter sarebbe bello vedere uno degli eroi del Triplete allenare i nerazzurri. A 37 anni El Cuchu vede finire una lunga e strepitosa carriera da giocatore, c’è da scommetterci che anche da allenatore mieterà successi. Sempre con il nerazzurro nel cuore, questo è poco ma davvero sicuro.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: