Champions, Barcellona-Juventus: dimenticatevi l’anno scorso

Pubblicato il autore: Rebecca Genesio Segui


Giocare contro le squadre spagnole regala sempre una grande suggestione. Con la doppia sfida di questa sera fra Barcellona-Juventus e Roma-Atletico Madrid si rinnova il duello fra Spagna e Italia, nella quale, ultimamente, non ci ha visti particolarmente fortunati.
La partita del Camp Nou sicuramente sarà ben diversa rispetto all’ultima registrata nell’ultima edizione della coppa dalle grandi orecchie. I ricordi di quella squadra un pò spaesata, sfilacciata, incapace di imporsi in casa propria, temo che sia un pensiero da dover rimuovere alla svelta.
Il Barcellona orfano di Neymar ha cominciato molto bene il campionato (tre vittorie, nove reti segnate e zero gol subiti) e la Juve non è da meno in questo avvio di stagione.
A ben vedere le formazioni ufficiose, la preoccupazione più grande ruota attorno alla difesa bianconera (De Sciglio, Barzagli, Benatia e Alex Sandro) con l’ex bianconero che torna a giocare, dopo essere subentrato disastrosamente a fine della gara di SuperCoppa Italiana contro la Lazio.
Centrocampo tutto nuovo con Matuidi e Bentancur a proteggere i colpi di genio e i tempi di gioco dettati da Pjanic, davanti Douglas Costa e Dybala con Higuain pronto a finalizzare le incursioni degli esterni e gli sprazzi di genio che si spera avrà La Joya.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 4.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

A mio avviso, sarà una partita difficile, con i blaugrana che avranno un grande spirito di rivalsa rispetto ai risultati dell’anno scorso e ci terranno a cominciare bene la competizione, a maggior ragione che giocano in casa. La Juve, dal canto suo, dovrà cercare di evitare la goleada, quindi l’obiettivo è prendere meno gol possibili e cercare di farne almeno uno. Sarà dura, durissima; ma forse è un bene cominciare il lungo cammino verso Kiev con una partita del genere: non si possono trovare scuse, necessariamente devi entrare in campo con la mentalità giusta, le motivazioni per fare bene non le devi cercare scavando nel profondo di te stesso. E’ il campo che ti parla, è il blasone di gare come queste che ti fanno essere fieri di giocare partite del genere, e a prescindere bisogna onorare con una prestazione dignitosa. E sono partite come queste che, in un certo senso, ti fanno già capire tante cose sull’andamento della stagione, sul livello che si è raggiunto, ad ora. Non faccio pronostici, ma qualora la Juventus dovesse uscire dal Camp Nou con un pareggio, sarebbe già un ottimo risultato, anche se è scontato dire che i tifosi vorrebbero rivedere le gesta e la prestazione eccelsa della gare di andata dei quarti giocata a Torino l’anno scorso.
Per il calcio italiano, si spera che almeno i club azzurri riescano a riscattare la brutta prestazione dell’Italia contro le Furie Rosse, sarebbe un bel segnale per tutti.
Nota bene: non crogiolatevi sul passato, Barça-Juve sarà tutt’altra cosa.

  •   
  •  
  •  
  •