Champions League, Barcellona Juventus: il primo assalto blaugrana è andato a vuoto

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui


Ci hanno provato fino all’ultimo istante di mercato per portar via Paulo Dybala ai bianconeri. Perché Barcellona Juventus è iniziata ben prima della sfida che, martedì sera al Camp Nou, vedrà blaugrana e bianconeri esordire nella Champions League 2017-2018. La proposta indecente dei catalani, che dopo l’addio di Neymar direzione Paris Saint Germain, avevano bisogno di trovare un sostituto (sul piano tecnico ma anche su quello mediatico), è arrivata il 31 agosto, recapitata dal presidente spagnolo Bartomeu al collega juventina Andrea Agnelli: 150 milioni di euro per far vestire subito a Dybala la maglia del Barcellona. Da Torino è arrivato un secco rifiuto perché la Joya, al di là del valore tecnico in campo, è anche un investimento di immagine per la società, come conferma la mossa di avergli affidato la maglia numero 10. Che poi il re dei procuratori Mino Raiola sia convinto che Dybala lascerà la Juventus è un altro discorso…

Leggi anche:  Juventus, Allegri: “Dybala e Morata salteranno i match con Chelsea e Torino”

Il rifiuto dei bianconeri ai catalani ha di fatto dato il fischio di inizio di Barcellona Juventus con due settimane d’inizio dalla sfida sul campo. Ma la partita di mercato fra i due club dura da mesi e pare tutt’altro che conclusa. Stando ai rumors, infatti, il Barcellona avrebbe deciso di fare la spesa in casa bianconera, non solo pescando fra i calciatori ma anche guardando ad allenatore e dirigenti. Dopo la partita vinta sabato 3-0 dalla Juventus contro il Chievo, a esplicita domanda su un possibile futuro a Barcellona, Massimiliano Allegri ha risposto: “Io e Paulo al Barcellona? Ma no, io sono felice alla Juventus e dobbiamo continuare a fare risultati come negli ultimi anni” riferendosi anche ai rumors dello scorso marzo, quando MundoDeportivo, quotidiano molto vicino alle vicende catalane, assicurava che il tecnico bianconero aveva dato il proprio assenso ad allenare il Barcellona in caso di addio a Madama. La storia ha poi mostrato che, qualche mese dopo, Juventus ed Allegri hanno prolungato (ed arricchito) il matrimonio fino al 2020, ma il “tormentone” Barcellona pare non essere terminato.

Leggi anche:  Serie C, Foggia-Juve Stabia 1-1: a Panico risponde Nicoletti

Salendo nelle stanze dei bottoni, a quanto pare il Barcellona avrebbe fatto un pensierino anche alla coppia di dirigenti bianconera Giuseppe Marotta-Fabio Paratici. Ipotesi che però il direttore generale bianconero, stavolta nel prepartita contro i clivensi, ha escluso categoricamente: “Il rinnovo mio e di Paratici? Noi ci troviamo benissimo alla Juventus, ci siamo consacrati e realizzati fino in fondo. Stiamo benissimo con Agnelli, Nedved, Allegri e la squadra. Abbiamo creato un modello vincente. Non c’è il rinnovo del contratto perché praticamente siamo legati a vita alla Juventus e se la società deciderà di cambiarci ne prenderemo atto. Ma non ci sono questi presupposti perché il rapporto è idilliaco“. Un messaggio chiaro quello di Marotta che, dal 2010, è stato fra gli artefici della crescita tecnico-sportiva e societaria della Juventus.

Leggi anche:  Juventus, Allegri: “Dybala e Morata salteranno i match con Chelsea e Torino”

Anche per questi motivi Barcellona Juventus di Champions League è iniziata ben prima della sfida che, martedì, assegnerà i primi punti nel girone di qualificazione. Un incrocio che promette spettacolo dentro il campo e, probabilmente, anche fuori dal campo nelle prossime sessioni di mercato. Intanto però la Juventus il primo assalto dei blaugrana lo ha rispedito al mittente.

  •   
  •  
  •  
  •