Inter, il trequartista è un rebus per Spalletti

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui
L’Inter ha iniziato il campionato vincendo e convincendo . I sei gol segnati in due partite contro Fiorentina e Roma hanno già fatto intravedere sprazzi del gioco offensivo spallettiano . Il tecnico di Certaldo vede il trequartista atipico come ruolo chiave delle sue squadre , dal momento che deve unire quantità , qualità , corsa e una buona dose di reti . In passato  Perrotta e Naingolann hanno incarnato perfettamente le sue idee di calcio in quella zona del campo . Il ninja è stato uno dei punti di forza della Roma che ha concluso il campionato al secondo posto , segnando ben 12 gol . In estate sono stati cercati invano proprio il belga e Arturo Vidal , cileno del Bayern Monaco . Nelle prime due giornate di campionato si sono alternati , senza successo dall’inizio , Marcelo Brozovic contro la Fiorentina  Borja Valero contro la Roma . Ad inizio ripresa di entrambe le gare è entrato in quel ruolo Joao Mario . Il portoghese con il suo dinamismo e i suoi strappi ha cambiato l’inerzia della gara contro i capitolini ed ha fornito l’assist per la rete di Perisic contro la squadra di Pioli . È ,per caratteristiche fisiche e tecniche , l’indiziato maggiore a giocare nel ruolo nel prosieguo del campionato , anche se deve migliorare nei movimenti offensivi e nel fiuto del gol . Marcelo Brozovic è un giocatore troppo inconstante e poco amato dal tifo interista  , pur adattandosi al ruolo . Vecino , Gagliardini e Borja Valero hanno le caratteristiche per giocare nei due centrali di centrocampo e solo in frangenti di emergenza verranno schierati come trequartisti .

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 6.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

  •   
  •  
  •  
  •