Inter, Spalletti punta Mancini: vicino un suo record in nerazzurro

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


Con la vittoria nella complicata trasferta di Crotone, l’Inter mette la “quarta”, rimanendo in vetta alla classifica con 12 punti insieme alla Juventus (vittoriosa a Sassuolo (1-3 ndr.) e al Napoli, (che ha schiantato per 6-0 il Benevento) . Quella di Crotone, è stata una trasferta più complessa del previsto: giocata in un clima secco con trenta gradi e un vento molto forte, dopo un primo tempo in cui le due compagini si sono studiate, nel secondo il Crotone ha avuto un paio di chance importanti, disinnescate da un immenso Handanovic. Nel finale un goal abbastanza fortuito del nuovo idolo dei tifosi nerazzurri Milan Skriniar, autore di un’altra buona prestazione difensiva, ha reso tutto più semplice per i nerazzurri che, chiudono la “pratica Crotone”, con Perisic quasi allo scadere.

Inter, la miglior partenza di Spalletti e il record di Mancini nel mirino

Leggi anche:  Serie C, Foggia-Juve Stabia 1-1: a Panico risponde Nicoletti

Con la quarta vittoria consecutiva in quattro partite, Luciano Spalletti ha stabilito il suo migliore avvio in assoluto in Serie A infatti, ai tempi della Roma della stagione 2007/08, dopo le vittorie ottenute con Palermo, Siena e Reggina, fu fermato dalla Juventus con un pareggio. Per quanto riguarda la sua intera carriera, Spalletti, ha eguagliato il record ottenuto con lo Zenit San Pietroburgo nel 2012/13. Nel mirino ora c’è un altro record, quello ottenuto dall’attuale tecnico dello Zenit, Roberto Mancini, che nella stagione 2015/16 fermò la sua striscia vincente dopo cinque successi, prima di perdere malamente contro la Fiorentina in casa. Uno dei dati che lascia ben sperare, è certamente la compattezza difensiva: secondo i dati OPTA, in quattro partite giocate, è stato subito un solo goal (di Dzeko in Roma-Inter), si sono vinti più di 170 duelli vinti e su 91 se ne sono vinti 46.

Leggi anche:  Sampdoria, D’Aversa: “Ottime prestazione, ma dobbiamo ragionare sugli errori commessi”

Con questi dati e qualche miglioramento, il raggiungimento di questo ulteriore traguardo non appare impossibile, soprattutto perché l’Inter andrà ad affrontare nel prossimo turno infrasettimanale il Bologna che contro i nerazzurri  in casa, non vince dal lontano 2002. Da quella partita per gli emiliani solo amarezze, i nerazzurri sono tornati 9 volte su 11 dalla trasferta con una vittoria (l’ultima è arrivata grazie all’unico goal italiano di Gabigol). Ma Spalletti si sa, non guarda solamente alla partita successiva, l’obbiettivo vero è vincerle tutte (Bologna, Benevento e Genoa) per arrivare al Derby contro il Milan dell’ottava giornata a punteggio pieno. Nel caso dovesse riuscire questa impresa, il tecnico ex Roma stabilirà la miglior partenza sempre: l’attuale primato è di sette vittorie consecutive in avvio ed è stato conseguito dall’Inter di Herrera nella stagione 1966-67. Mentre la miglior striscia di vittorie consecutive di sempre, appartiene sempre a Roberto Mancini, che nella stagione 2006/07, nel bel mezzo del campionato, ha trovato ben 17 vittorie di fila.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Empoli Bologna: diretta tv e streaming DAZN o Sky?

Inter, le parole di Spalletti sul momento dei nerazzurri

Certamente i numeri sono molto importanti ma Luciano Spalletti, nel dopo partita ha preso questi dati con le “pinze” e ha affermato: Stiamo lavorando nella maniera corretta, ma non considero la mia squadra meglio delle altre: vogliamo e dobbiamo imparare ancora qualcosa”. Per quanto riguarda l’analisi sulla vittoria ottenuta allo ‘Scida’, il tecnico ex Roma ha affermato: “La chiave della vittoria? L’adattabilità a fare quello che facevano i nostri avversari, mettendoci però maggior qualità perché siamo l’Inter”.

  •   
  •  
  •  
  •