Milan, Ferrero irride i rossoneri: “Spesi 200 milioni per non tirare in porta contro la Samp”

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui


E’sicuramente il presidente più simpatico di tutta la Serie A ma quando esprime un’opinione, non le manda mai a dire. Stiamo parlando del presidente della Sampdoria, il produttore cinematografico romano, Fabrizio Ferrero che, evidentemente, ancora raggiante per il successo dei blucerchiati sul Milan, di domenica scorsa, ha rilasciato dichiarazioni al “vetriolo” sui rossoneri. Ecco le sue parole rilasciata all’emittente radiofonica della Capitale, Radio Radio 

Milan, tanto mercato per nulla:”Hanno speso 200 milioni di Euro, in questo mercato, acquistando dodici giocatori, sono venuti a casa nostra e hanno subito due gol, senza mai tirare in porta, io avevo pronosticato il 2-1 per noi, e vincere senza incassare reti mi fa essere contento. Con questo non voglio dire che il Milan, non rimanga una grandissima squadra anzi, ma è troppo individualista, non gioca da squadra, io non vedo un collettivo accettabile”.

Che stoccata a Lotito: “E’ una bravissima persona, un bravo imprenditore, ma in Lega dovrebbe smetterla di strillare, fa troppe chiacchiere e con quelle risolve poco, io sono una persona che ascolta molto, ma se lui quando parla con me, strilla, un giorno potrei prenderlo a schiaffoni! nella lega ci sono altre 19 squadre di serie a, non solo la sua, e dobbiamo fare gli interessi di tutti, per migliorare il calcio, dobbiamo riportare la gente allo stadio, e cambiare queste leggi assurde, che penalizzano gli sportivi veri, domandatevi perchè quando la sua Lazio gioca in casa, non lo segue quasi nessuno…sulla ripartizione dei diritti televisivi poi, gli potrei insegnare qualcosa”.

La corsa scudetto:”Amo la Roma, da sempre lo sapete, ma io vedo favorito il Napoli, è una grandissima squadra, ma se non vince quest’anno con i giocatori che si ritrova, non lo farà più! La Roma non può più perdere punti, per strada e secondo me, deve lavorare sul gioco, contro l’Atletico Madrid, in Champions, non mi ha convinto, si devono rimboccare le maniche e lavorare molto, io sarei sceso negli spogliatoi e avrei fatto a tutti un bel discorsetto… c’è Patrick Schick, gliel’ho venduto per farlo giocare, non mi facciano pentire, ma deve ritrovare la condizione fisica migliore, e non deve essere sacrificato, per fare l’attaccante esterno, può diventare il gioiello di questa squadra, magari assieme a Edin Dzeko”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, si riparte subito: panoramica sul quinto turno, big match Fiorentina-Inter