Milan, Montella predica la calma: “Con la Roma più coraggio e tranquillità”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


L’inizio del Milan 17/18 non è da incorniciare: due sconfitte pesanti su sei partite in campionato in trasferta con Lazio (4-1) e Sampdoria (2-0), il licenziamento dello storico collaboratore di Montella, la vittoria sofferta contro il modesto Rijeka per 3-2 e un gioco che continua a latitare.
Subito dopo il match dello scorso Giovedì, proprio Vincenzo Montella ha parlato ai microfoni di ‘Milan TV’ analizzando la precedente partita di Europa League: “Della gara di giovedì la cosa più positiva è stata certamente l’orgoglio nel finale. Dobbiamo imparare a gestire meglio le partite e quindi a segnare di più. Nel secondo tempo dovevamo essere più verticali, dobbiamo accelerare nel momento giusto. Eravamo in controllo totale ma forse abbiamo iniziato a pensare alla Roma e l’attenzione è calata, cosa che a questi livelli non può accadere”.

Leggi anche:  Cruciani scatenato sull'Inter: "Le sue sorti dipendono da un cretino, fa un po’ ridere e un po’ preoccupare. Conte ha torto marcio..."

Il Milan però ora è chiamato a dare delle risposte importanti già Domenica, nella partita casalinga contro la Roma di Di Francesco. Proprio in merito al big match di Domenica sera, Montella ha già tracciato le basi e le indicazioni per poter fare bene in un match così delicato: “Voglio una prova di temperamento, devono esserci più coraggio, più tranquillità e gioia”.

Inoltre Montella ha già fatto un primo bilancio di questo inizio stagione: “Abbiamo fatto cose buone, ma ci sono anche cose sulle quali dobbiamo lavorare. Inconsciamente abbiamo perso un po’ di entusiasmo, sono arrivate due sconfitte che forse non ci aspettavamo che hanno lasciato degli strascichi”. Insomma, il Milan contro la Roma ha la possibilità di dimostrare ai propri tifosi di essere competitiva anche contro squadre che ambiscono alle prime posizioni in classifica e di fare quel salto di qualità che finora è mancato alla ‘troupe’ di Montella.

  •   
  •  
  •  
  •