Milan, Montella rischia l’esonero. Al club basterebbe pagare una modica buonuscita

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Milan, 1,5 milioni di euro per “liberarsi” di Montella

Tempi duri per Montella alla guida del Milan. Il tecnico napoletano, dopo un inizio di stagione balbettante non sembra essere più così saldo sulla panchina rossonera e nelle ultime ore hanno iniziato ad addensarsi su Milanello grigie nubi sul futuro dell’allenatore. La società rossonera, dopo la sconfitta contro la Sampdoria ( la seconda in 6 partite di campionato) ha manifestato il proprio disappunto per la prestazione della squadra apparsa sottotono e con un gioco prevedibile e lento. Lunedì c’è stato un incontro tra lo stesso Montella e l’amministratore delegato dei rossoneri Marco Fassone nel corso del quale quest’ultimo ha richiamato tutta la squadra, compreso staff tecnico, ad un maggiore impegno auspicando una pronta reazione da parte del gruppo.
Nonostante la fiducia manifestata nei confronti di Montella appare evidente come la società non sia disposta a “perdonare” altri passi falsi come quelli di Genova. Le prossime due sfide di campionato contro Roma ed Inter diventano per questa ragione crocevia fondamentale di questa prima parte di stagione dei rossoneri.

Leggi anche:  Inter, seconda solo al Bayern: media gol clamorosa in Europa

Il destino del Milan si incrocia inevitabilmente con quello del tecnico Montella, messo sul banco degli imputati per non essere riuscito ancora a dare una chiara fisionomia alla squadra.  La società rossonera non sembra essere propensa a stravolgimenti in corso ma se i risultati tarderanno ad arrivare ecco che il futuro di Montella potrebbe essere a rischio. Pur avendo firmato nei mesi scorsi il rinnovo del contratto fino al 2019 Montella potrebbe essere “sollevato” dall’incarico dalla società rossonera in qualsiasi momento. Infatti, come svelato dalla Gazzetta dello Sport, nel contratto del tecnico napoletano è presente una clausola di uscita che prevede la possibilità da parte del Milan di liberarsi del tecnico dietro il pagamento di una “buonuscita” di 1,5 milioni di euro.
Sullo sfondo rimangono i profili di due tecnici che la società rossonera nei mesi scorsi aveva attenzionato con molto interesse: Antonio Conte e Carlo Ancelotti.  Per entrambi, però, sembra difficile un possibile affondo rossonero a stagione in corso ma se Chelsea e Bayern Monaco dovessero incontrare difficoltà nel loro cammino in campo nazionale ed europeo si potrebbe verificare una girandola di “cambi” sulle panchine internazionali che potrebbe interessare anche il Milan.

  •   
  •  
  •  
  •