Qualificazioni Mondiali 2018, l’attesa è finita stasera Spagna – Italia

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui


E’ una sfida che l’Italia calcistica aspetta da mesi, è praticamente la “partita dell’anno”. Questa sera, gli azzurri, allenati dal commissario tecnico Giampiero Ventura, affronteranno la Spagna con calcio d’inizio alle ore 20.45,  allo stadio “Santiago Bernabeu” di Madrid; il match è valido per la settima giornata del girone di qualificazione ai mondiali in programma l’anno prossimo in Russia. L’Italia, è obbligata ad ottenere un solo risultato la vittoria. Infatti, un pareggio, darebbe ai padroni di casa la quasi certezza di arrivare primi nel raggruppamento, ma sopratutto di essere certi, della qualificazione diretta alla rassegna mondiale, costringendo i quattro volte campioni del Mondo agli spareggi. Anche in caso di arrivo a pari punti, nell’ultimo match, del mese prossimo, le “furie rosse” sarebbero prime per il maggior numero di reti segnate, rispetto agli azzurri, e in caso di successo questa sera, ci si metterebbero gli scontri diretti favorevoli.

Pesa l’1-1, del novembre scorso a Torino, nello scontro di andata. Per questo, il commissario tecnico, punta su una formazione offensiva, con un modulo tattico spregiudicatoil suo amato 4-2-4, che lo ha reso famoso per il bel gioco espresso, sulle panchine di Bari Torino, ma non è escluso, uno schieramento più coperto, con una difesa a tre ad un centrocampo più folto. L’undici titolare italiano, però, dovrà fare a meno, di Giorgio Chiellini, infortunatosi, nell’allenamento di ieri, al polpaccio destro, prima della partenza per la capitale spagnola. Quello che colpisce, è la recidività del suo stop, che in questo ultimo anno e mezzo, lo ha messo a dura prova, con la sua squadra di club, la Juventus. Si punta però, nella zona centrale, del reparto arretrato sull’altro juventino Andrea Barzagli, e sul neomilanista Leonardo Bonucci. Osservato speciale il terzino Leonardo Spinazzola, viste le vicissitudini di mercato, di cui è stato protagonista in queste ultime settimane.
A centrocampo ci si affida a Marco Verratti, che dovrà cercare di innescare il quartetto offensivo, e forse perche no, provare qualche conclusione dalla lunga distanza. Il reparto avanzato invece, ha due bomber di razza e in forma, che in queste qualificazioni hanno letteralmente trascinato il gruppo azzurro, a suon di gol, e di belle prestazioni, Andrea Belotti Ciro Immobile; Lorenzo Insigne, avrà il compito di mantenere la sua velocità palla al piede e di saltare l’uomo. Antonio Candreva, altro giocatore atteso, al riscatto dopo le recenti non esaltanti partite in maglia interista, dovrà fornire cross invitanti per i centravanti.

Leggi anche:  Primera División argentina, 11° turno: il River Plate sale al terzo posto

La Spagna, anche con il nuovo CT Lopetegui, non ha cambiato il suo modo di interpretare il calcio, possesso palla e passaggi, ma attenzione agli improvvisi cambi di gioco sugli esterni e di velocità di manovra. Pericolo molto significativo per l’Italia, potranno essere le palle inattive, con Sergio Ramos, Gerard Piquè interpreti simbolo, di questo fondamentale.

I terzini azzurri, potrebbero soffrire, di fronte allo stato di grazia di Dani Carvajal, la velocità di Francisco Isco Alcaron, e l’essere uomo sgusciante di David Silva, più di tutti però, bisogna bloccare Andres Iniesta, ideatore delle trame di gioco spagnole a centrocampo. In attacco occhio, ad Alvaro Morata, ma l’anno e mezzo in Italia, fa capire da se che può essere molto pericoloso, dalla panchina i padroni di casa hanno un arma micidiale, Marco Asensio, che dal 3 giugno scorso, per l’Italia pallonara è diventato un incubo, un punto fermo, in nazionale e nel Real Madrid. 

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Hellas Verona Roma in diretta tv e streaming: Sky o DAZN?

Le statistiche nei match ufficiali, sono favorevoli alle “furie rosse” gli azzurri si aggrappano al 2-0 dell’anno scorso agli europei francesi, e al successo mondiale americano del 1994 per 2-1. Indigeste le beffe dal dischetto ad Euro 2008 e in confederations Cup 2013, e sopratutto il tremendo 0-4 subito in Ucraina nella finale di euro 2012; arbitrerà la sfida il sig. Kuipers (Olanda).

  •   
  •  
  •  
  •