Morte Bersellini, il cordoglio del calcio italiano per l’addio del “Sergente di ferro”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Morte Bersellini, se ne va il “Sergente di ferro”

E’ scomparso oggi all’età di 81 anni Eugenio Bersellini, ex allenatore di diverse squadre di Serie A a cavallo tra gli anni ’70 ed ’80. Il tecnico, soprannominato “Sergente di ferro” per i suoi metodi di allenamenti, deve la sua fama alle vittorie conquistate alla guida dell’Inter: con i nerazzurri Bersellini vinse lo scudetto nella stagione 1979 – 1980 oltre a due Coppa Italia nel ’78 e nell’ ’82.  Unanime il cordoglio del mondo del calcio italiano che subito dopo la notizia della scomparsa di Bersellini si è stretto in un unico, ideale, abbraccio all’ex tecnico.
L’esordio  da allenatore in serie A di Bersellini fu con il Cesena nella stagione 1973. Dopo due anni sulla panchina bianconera il passaggio alla Sampdoria prima di essere chiamato dall’Inter nel 1977. L’avventura da allenatore dei nerazzurri durò cinque stagioni nelle quali Bersellini vinse uno scudetto e due Coppa Italia.  Nel 1982 il passaggio al Torino e poi ancora Sampdoria, Fiorentina, Avellino ed Ascoli sempre in serie A. Dal 1990 al 1997 esperienza tra la C1 e la B con Como, Modena, Bologna, Pisa e Saronno. In totale sono state 953 le panchine di Bersellini nella sua carriera da allenatore tra campionato e Coppe. Dopo l’esperienza in Italia Bersellini allenò anche la Nazionale libica, tra il 1998 ed il 2001 e due club del paese africano, l’Al Ahly e l’Al Ittihad con il quale vinse un campionato libico.

Leggi anche:  Coman rientra al Bayern dopo l'intervento al cuore

Morte Bersellini, il ricordo del mondo del calcio

La notizia della morte di Bersellini ha generato una serie di ricordi toccanti da parte di numerosi addetti ai lavori, club ed ex calciatori. L’Inter ha pubblicato su Twitter  un ricordo del suo ex tecnico. Cordoglio anche da parte del Torino con il presidente Urbano Cairo che “partecipa sentitamente al dolore della famiglia per la scomparsa di Eugenio Bersellini, apprezzatissimo uomo di sport e allenatore del Torino dal 1982 al 1984. Toccante anche il ricordo fatto da Alessandro Altobelli, attaccante dell’Inter che con la maglia nerazzurra vinse lo scudetto nel 1980 proprio con il tecnico Bersellini.

“Bersellini è stata la mia grande fortuna – ha dichiarato “Spillo” Altobelli – Fu lui, appena arrivato all’Inter, a volermi in nerazzurro e lì mi fece crescere e diventare, grazie ai suoi allenamenti e al suo metodo, tutto quello che sono stato.  Oltre ad essere un grande tecnico, insisteva molto sulla preparazione atletica e all’epoca, in questo senso, fu un innovatore: aveva già introdotto lo stretching, ad esempio, nessuno lo faceva. Certo, poi c’erano anche ritiri dal venerdì fino alla metà della settimana successiva. Ma per vincere servono anche sacrifici e questo è il più grande insegnamento che ci lascia”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,