Processo Agnelli, ecco gli scenari in caso di condanna del presidente della Juventus

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Processo Agnelli,attesa per la sentenza

All’indomani del processo sul caso biglietti che vede coinvolta la Juventus ed il suo presidente Andrea Agnelli si inizia a delineare il quadro delle possibili conseguenze in caso di condanna del numero uno della società bianconera.

Il processo, lo ricordiamo, è scaturito da un filone dell’inchiesta penale Alto Piemonte e riguarda le presunte “connivenze” della Juventus con il mondo ultras per quanto riguarda la vendita di biglietti per assistere alle gare della formazione bianconera ceduti, secondo l’accusa, in quantità non previste dal regolamento.  Il presidente della Juventus è stato deferito per la presunta violazione degli articoli 1 bis ( lealtà sportiva) e 12 ( rapporti con i tifosi) del Codice di giustizia sportiva. Insieme a lui deferiti anche Francesco Calvo, Alessandro Nicola D’Angelo e Stefano Merulla, tutti ai tempi legati alla società bianconera.
La Procura al termine del dibattimento ha chiesto di infliggere al presidente della Juventus, Andrea Agnelli, l’inibizione per due anni e sei mesi  per i suoi rapporti non consentiti dal regolamento con gli ultrà bianconeri. Oltre alla richiesta di inibizione per Andrea Agnelli, la Procura federale ha chiesto per la Juventus due gare a porte chiuse, un’ulteriore gara con la curva sud chiusa ed il pagamento di un’ammenda di 300 mila euro per responsabilità diretta della società bianconera nella vicenda dei biglietti ceduti agli ultras bianconeri.
Al termine del processo la Juventus ha chiesto invece la completa assoluzione del suo presidente Andrea Agnelli. Qualunque sarà comunque  la decisione, prevista per il 25 settembre prossimo, ci sarà un appello ( che verrà presentato da parte della Juventus o dalla Procura Federale) ma per mettere definitivamente la parola fine sulla vicenda bisognerà aspettare sicuramente il pronunciamento del Collegio di Garanzia del Coni, il terzo grado della giustizia sportiva.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 6.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

Processo Agnelli, le conseguenze per la Juve in caso di condanna

Indipendentemente dall’appello, già preannunciato dalla Juventus in caso di condanna in primo grado del presidente Andrea Agnelli, la sentenza di primo grado sarà immediatamente esecutiva. Quindi in caso di condanna il periodo di inibizione per Andrea Agnelli inizierebbe sin da subito. La condanna non comporterebbe, però, in alcun caso ( neppure con condanna in terzo grado) la decadenza di Agnelli dalla carica di presidente della Juventus.  Per il codice di giustizia sportiva (art. 19), infatti,  l’inibizione temporanea comporta solo il divieto di rappresentare la società in attività rilevanti per l’ordinamento sportivo nazionale e internazionale; il divieto di partecipare a qualsiasi attività di organi federale, il divieto di accesso agli spogliatoi, in occasione di manifestazioni o gare calcistiche, anche amichevoli, nell’ambito della Figc, con eventuale richiesta di estensione in Uefa e Fifa; il divieto a partecipare a riunioni con tesserati Figc o con agenti di calciatori. Nessuna conseguenza invece per quanto riguarda  gli incarichi europei di Agnelli a meno di richiesta di estensione dell’inibizione anche all’Uefa che dovrebbe essere effettuata dalla FIGC. In caso di condanna, invece, non sarebbe immediatamente esecutiva la pena accessoria delle gare a porte chiuse.  In caso di appello infatti la condanna sarebbe sospesa in attesa del secondo grado di giudizio.

  •   
  •  
  •  
  •