Sebastiano Siviglia a SN: “I Social? Sempre più importanti per la carriera di calciatori e allenatori”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui


Sebastiano Siviglia, l’ex Roma e Lazio ospite di Supernews. Lunedì 25 settembre si è svolto nella redazione romana di Supernews il Workshop dal titolo “Lo sport prima e dopo i social”. Diversi gli interventi di rilievo, tra cui quello di Luca La Mesa, esperto di social media e marketing. Poi è stata la volta di Alessandra Ortenzi, giornalista sportiva che si occupa prevalentemente di basket. Sebastiano Siviglia, ex giocatore di Roma e Lazio e allenatore in attesa di panchina. Ha chiuso la giornata Michele Plastino, giornalista televisivo e conduttore-ideatore di Goal di Notte.

Mattinata trascorsa a parlare della sempre più crescente importanza dei social network per gli addetti ai lavori dello sport attuale. Particolarmente interessante l’intervento di Siviglia, che ha vissuto in parte l’avvento dei social nella parte finale della sua carriera da calciatore. L’ex Roma e Lazio ha confidato alla platea presente di utilizzare molto poco i social:”Facebook ce l’ho ma non l’apro mai, Twitter e Instagram li conosco appena”. Siviglia ha concluso la sua carriera agonistica nel gennaio 2011. Dopo di che ha intrapreso la carriera da allenatore. Dopo le prime esperienze con Monterotondo e Potenza ha allenato le giovanili della Lazio. Nella passata stagione ha allenato la primavera della Ternana. 

Leggi anche:  Mondo del calcio in lutto: morto il campione Romano Fogli

Siviglia ha confessato a Supernews che in questo momento di attesa della sua carriera i social potrebbero essere importanti per farsi conoscere, soprattutto all’estero. Sempre più giocatori e allenatori ricorrono a questi mezzi per cercare una sistemazione. E’ di qualche settimana fa l’esempio di Christian Zaccardo, che attraverso Linkedin ha pubblicato un annuncio con il suo curriculum. Siviglia ha dichiarato di voler cominciare ad usare i social, che diventano sempre più importanti nella carriera di calciatori e allenatori. A Siviglia poi è stata posta una domanda:”Se un giocatore ti critica apertamente sui social?”, risposta:”Non lo faccio giocare più”. Ok i social ma le vecchie abitudini degli allenatori è sempre tenerle ben presenti. Siviglia ha anche sottolineato come i sociali siano un’importante cassa di risonanza per giocatori come Balotelli e Cassano:Loro sono fortissimi sui social, grazie a loro sono arrivati ad avere notorietà più che per le loro capacità calcistiche”.

Sebastiano Siviglia a Sn:”Capello e Mourinho grandi gestori. Di Francesco grande allenatore”

Durante il suo intervento a Supernews Siviglia ha anche parlato dei suoi modelli di allenatore:”Ho le mie idee,da ex difensore vorrei esprimere un calcio offensivo. Sempre però tenendo presente l’equilibrio”. L’ex Roma e Lazio si è soffermato su un suo ex allenatore:”Capello è un grandissimo gestore di uomini. Con Totti non parlava quasi mai perché Francesco aveva l’intelligenza per capire come e dove migliorare da solo. Mourinho somiglia molto a Capello in questo”. Tra gli allenatori italiani Siviglia apprezza molto Eusebio Di Francesco:Ha fatto la sua gavetta e fatto cose straordinarie al Sassuolo. Farà bene anche alla Roma”.

Siviglia ha anche detto la sua sul fresco caso Neymar-Cavani: I ruoli vanno sempre rispettati. Se l’allenatore indica un rigorista, i giocatori devono eseguirla. Poi certo ci  sono sempre delle eccezioni, se un mio giocatore non obbedisce e segna basta un rimprovero. Ma se sbaglia un rigore non lo faccio giocare per tre giornate.” Idee chiare e tanta voglia di far bene anche da allenatore, Sebastiano Siviglia aspetta l’occasione giusta per ripartire.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,