Serie A 4.a giornata: Mertens trascina il Napoli alla vittoria, Juventus e Milan non sbagliano

Pubblicato il autore: Elena Caruso Segui

Il Napoli vola con la tripletta di Mertens

Giornata interessante quella appena disputata nella massima serie. Alle vittorie di Inter, Fiorentina e Roma, negli anticipi della quarta giornata del campionato di Serie A, rispondono Juventus, Milan e Napoli, le tre grandi non restano a guardare e non tradiscono le attese portando a casa i tre punti con una serie infinita di gol. Da solo il Napoli di Sarri mette a segno 6 gol arricchendo una giornata ricca di risultati importanti.

La Juventus batte il Sassuolo 3-1 con una magistrale tripletta di Dybala, sempre più punto fermo della squadra di Allegri. Gli occhi sono tutti per l’argentino che da fuori area con un bel sinistro incanta difesa e portiere per il vantaggio bianconero. Il secondo gol arriva nella ripresa con un tocco fulmineo che spiazza il portiere. Il Sassuolo gioca comunque con grande personalità e attacca per tutti i 90′ creando numerose occasioni interessanti e pericolosissime portandosi sul 2-1 con un bel gol di Politano, ma il buon gioco non basta per contrastare l’esplosivo Dybala ancora a segno con il gol del 3-1 direttamente su punizione, un tiro perfetto che non lascia spazio a discussioni.

Leggi anche:  Inter: scelto il futuro capitano!

Buona prova anche quella del Milan che batte l’Udinese 2-1. La partita si gioca in 31′: Kalinic al 22′ segna il gol del vantaggio, lasciato colpevolmente libero di tirare da Danilo che perde concentrazione e freddezza. I friulani non smettono comunque di giocare e dopo pochi minuti trovano la giusta reazione che li porta al pareggio (28′), un tiro potente di Lasagna che fulmina Donnarumma. Senza nulla togliere alla prestazione dei rossoneri, la difesa dell’Udinese fa acqua da tutte le parti e al 31′ Kalinic approfitta ancora di una disattenzione della retroguardia avversaria per segnare la doppietta che porta il Milan alla vittoria.

Storia a parte è quella del Napoli che gioca un calcio spumeggiante e ricco di assoli. Alla squadra di Sarri basta mezz’ora per archiviare la pratica Benevento. La neo promossa in Serie A non può in alcun modo contrastare la compagine partenopea che si impone con un perentorio 6-0. Bastano 32′, dunque, per mettere a segno una serie di gol che spengono ogni ambizione nell’avversario: il primo arriva dopo soli 3′ con Allan, poco dopo è Insigne raddoppiare (15′) con un bellissimo tiro a giro. Con il Benevento assolutamente alle corde Mertens (27′) porta il Napoli sul 3-0 e Callejon (32′) chiude il primo tempo con un roboante 4-0. Nella ripresa il film della partita non cambia, gioca solo il Napoli e nei minuti finali arrivano altri due gol, entrambi su rigore, entrambi calciati magistralmente da Mertens che sigla la personalissima tripletta.

Leggi anche:  Le italiane in Europa: un primo bilancio delle "7 Sorelle"

Vince anche il Cagliari imponendosi 2-0 contro la Spal. La partita non è intensa né divertente, le due formazioni si annullano reciprocamente giocando con grande equilibrio. A farla da padrone sul terreno di gioco sono gli errori sopratutto della difesa biancazzurra, proprio da un errore di Gomis che non allontana il pallone nel disimpegno nasce il gol del vantaggio di Barella. Nella ripresa la Spal fa vedere qualcosa in più e sfiora il pareggio con la clamorosa traversa di Lazzari ma è ancora una volta il Cagliari ad avere la meglio con il bellissimo gol di Joao Pedro che di fatto chiude le ostilità.

Solo un pareggio invece tra Torino e Sampdoria che si accontentano di un punto a testa. Avvio negativo per il Torino che subisce dopo solo 1′ di gioco il gol di Zapata, un tiro fortunoso che rischia di rovinare il pomeriggio del toro ma la squadra di Mihajlovic si sa ha mille risorse e riesce in 15′ a ribaltare il risultato. Il pareggio arriva al 13′ con Baselli che con un tiro di precisione mette il pallone sotto l’incrocio dei pali. Un gol che galvanizza il Torino tanto da agguantare in pochissimo tempo (15′) il raddoppio con Belotti che sfiora il palo interno ma la mette dentro. Dopo un avvio shock il Torino prende in mano la partita e solo la zampata vincente del solito Quagliarella riporta il risultato in parità. La partita si gioca tutta nella prima frazione di gioco, nella ripresa non mancano le occasioni ma le due formazioni sono più guardinghe e il match termina con un divertentissimo e vivace, almeno per quanto visto nel primo tempo, pareggio per 2-2.

  •   
  •  
  •  
  •