Serie C Girone C – Divieto di trasferta per i tifosi della Juve Stabia

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Serie C Girone C: Divieto di trasferta per i tifosi della Juve Stabia in occasione del match in trasferta allo stadio “Marcello Torre” di Pagani di sabato 23 alle ore 20.30 e valevole per la quinta giornata del campionato di Serie C Girone C.

La notizia era già stata anticipata su questa testata (clicca qui per visualizzare l’articolo): in effetti, l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, con determinazione n. 33 del 13/09/2017, aveva già evidenziato che il predetto match era connotato “da alti profili di rischio“, in particolare rinviando le valutazioni al Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive, “ai fini dell’individuazione di misure di rigore“.

Alla luce di queste argomentazioni, il Prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, in data odierna, con ordinanza ha disposto il “divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella provincia di Napoli, con conseguente sospensione dei programmi di fidelizzazione della Società Sportiva Juve Stabia“.

Leggi anche:  Le italiane in Europa: un primo bilancio delle "7 Sorelle"

Come è noto, tra le tifoserie delle due compagini non corre buon sangue. Basti pensare ai violenti scontri che si verificarono nel dicembre 2003, quando rimasero feriti ben tredici agenti delle Forze dell’Ordine, i quali faticarono non poco per riportare la calma.

Da allora, ci fu un periodo di tempo in cui Paganese Juve Stabia non si incontrarono, a causa della diversa collocazione nei rispettivi campionati, con le “vespe” di Castellammare che salirono persino in Serie B, mentre gli azzurrostellati si sono alternati inizialmente tra Serie DSerie C

Negli ultimi anni, si sono succeduti diversi provvedimenti che hanno sempre determinato la chiusura del settore ospiti dello stadio ospitante il match.

Ad essere fortemente penalizzato è il tifo sano e appassionato, che, a causa di alcuni facinorosi, non riesce ad esprimersi al meglio, soprattutto in una realtà, quella della Serie C, o meglio dell’ex Lega Pro, che nel corso degli anni ha suscitato particolare interesse per gli addetti ai lavori e non.

  •   
  •  
  •  
  •