Serie C girone C: il punto sulla seconda giornata di campionato

Pubblicato il autore: Enzo La Piana Segui


Tante le sorprese e le conferme nella seconda giornata del girone C di serie C.
Il  Lecce  si è imposto , sul Trapani per 2-1 tra le mura amiche, mentre il  Catania è uscito sconfitto 1- 0 nell’altro match clou, in casa della Casertana.
A punteggio pieno, dopo due giornate un Rende, corsaro  all’Esseneto. E’ finita 3-2  per la squadra di mister Trocini, la gara di Agrigento contro  l’Akragas che si era portato in vantaggio per ben due volte.
Il neopromosso Bisceglie  di mister Zavettieri,  ha fatto suo il derby pugliese 2 – 1 contro la  Virtus Francavilla, mentre  il Monopoli  ha espugnato il “Purificato” battendo uno sterile  Racing Fondi  0 – 1 reduce dall’ ottimo pareggio  in casa del Catania.
Anche la Leonzio ha brindato  al l’inizio del suo campionato (dopo aver osservato il turno di riposo nella prima stagionale) superando in casa il Matera per 2-1. Ha continuato a deludere il Cosenza di mister Fontana, che si è fatto superare al “Marulla” per 2-0 dalla Paganese, mentre non si è disputata  la gara tra Siracusa e Fidelis Andria che verrà recuperata martedì 26 settembre.

Leggi anche:  Telecronisti serie B 4^ giornata: tutte le voci di Sky e DAZN

Turno di riposo invece per la Juve Stabia spettatrice interessata del derby di Calabria, che ha proposto un  Catanzaro  – prossimo avversario delle vespe, al Ceravolo – allergico al Granillo.
Una squadra
, quella giallorossa, che ha mostrato carenze in fase difensiva, messe in risalto da una Reggina ben messa in campo da mister Maurizi, che ha colto  una vittoria importantissima sia per il morale che per la classifica, dopo l’immeritata sconfitta al Lorenzon di Rende.
La squadra del presidente Noto,  che  dovrà lavorare molto se vorrà dare seguito ai propositi di un campionato d’alta classifica, è stata  superata per larghi tratti sul piano del gioco e del fisico dagli amaranto e non aiutata dalle scelte di Erra a partita in corso. La vittoria di Bianchimano e compagni, si è concretizzata  anche per alcune giocate e  prestazioni individuali decisamente sopra le righe, tanto che l’uscita nella prima frazione di De Francesco, perno del centrocampo – colpito anche  lui duro dagli interventi degli avversari – non ha prodotto squilibri nell’assetto generale della squadra dello Stretto.
I padroni di casa, sono andati in vantaggio con Sciamanna che ha messo in rete uno pregevole spunto di un sempre più concreto Tulissi.
Nel secondo tempo è stato il  Benedetti a riequilibrare le sorti del match per la formazione di mister Erra, con una  punizione che ha superato uno strepitoso  Cucchietti.
Ne è seguito un derby vivace e combattuto, come da copione,  con un  velleitario  Catanzaro, che è stato punito dall’ intelligente  giocata dell’esperto  Mezavilla, che ha permesso “ all’ l’uomo dei derby ”  Porcino, di beffare Nordi per la seconda volta.
Sugli scudi, il rientrante ed imprescindibile Andrea Bianchimano, che  ha ripagato con una bella prestazione, fatta di cuore e grinta – nonostante i tanti colpi proibiti ricevuti durante tutti i 95’ – la fiducia concessagli dal tecnico di Colleferro. Nel finale, si è registrata tra le Aquile giallorosse  l’espulsione di Marchetti, appena entrato, mentre il pubblico di fede amaranto, a fine gara, ha sottolineato applaudendo a scena aperta la bella prestazione della squadra del presidente Praticò  e di un superlativo Cucchietti, decisivo nei suoi interventi ed apparso in splendida forma.

  •   
  •  
  •  
  •