Strepitoso Spalletti: sono 4 vittorie di fila per l’Inter

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

strepitoso spallettiStrepitoso Spalletti, la sua Inter vince ancora e sono 4 vittorie di fila per insidiare a Napoli e Juventus i primi due posti e per mettere una forte ipoteca su quello che è l’obiettivo stagionale del gruppo Suning, ovvero la qualificazione per la prossima Champions League.

Con un mercato ottimale e ben mirato, grazie all’abile regia di Sabatini, che ha tolto dalla squadra le componenti costose e superflue, come KONDOGBIA, Gabigol, Jovetic, Ansaldi, Medel e Murillo, e con acquisti bene azzeccati senza spendere capitali esosi nel rispetto delle regole UEFA, il coach Luciano Spalletti è riuscito ad amalgamare un gruppo che si sente finalmente una squadra che può lottare, anche se probabilmente non vincerà, per il titolo finale.

La base certamente non mancava, e questo il tecnico toscano lo sapeva bene, ancorando alla sua Inter i pilastri come Handanovic, Miranda, Gagliardini, Perisic, Candreva e Icardi, e rilanciando calciatori ritenuti inutili e strapagati come Joao Mario, che l’anno scorso con Pioli non era riuscito a esprimersi ai massimi livelli nonostante i 40 milioni del costo del cartellino.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Udinese - Fiorentina: streaming o diretta TV, SKY o DAZN?

La cura Spalletti sembra funzionare anche con D’Ambrosio, Eder e Yagatomo. Specialmente l’italo brasiliano, anche se non titolare, sembra essere tornato quello della Sampdoria, dopo gli anni buoi con Mancini e Pioli che l’avevano relegato anche ai margini della nazionale.

I pilastri della squadra rimangono però il portiere Handanovic, che si presenta nuovamente come il miglior estremo difensore della serie A dietro all’immortale Buffon, e le due punte Perisi e Icardi. Il capitano quest’anno, come non mai, sembra avere in mano la squadra finalmente e riesce a guidarla un po come il suo predecessore Zanetti. Esorbitante la quota di reti segnate, veramente impressionante che lanciano l’attaccante verso una facile vittoria della classifica cannonieri.

Per quanto riguarda l’attaccante Croato è il caso di dire che il veto di Spalletti per la non cessione si è dimostrata veramente l’arma vincente. In ogni partita, Crotone incluso, l’attaccante Croato si è dimostrato decisivo. Di certo Maurinho che lo voleva assiduamente non si può considerare l’ultimo venuto, e per questa ragione l’insistenza di Spalletti per farlo rimanere si è fatta sempre più insistente.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Juventus - Sampdoria: streaming e diretta TV, SKY o DAZN?

Che altro dire se non che l’accoppiata Sabatini-Spalletti sta facendo veramente le fortune dell’Inter? Era infatti difficile prevedere come una società che l’anno scorso sembrava allo sbando, con un tecnico che ha dimostrato tutta la sua incapacità a carismatica a tenere unita la squadra, un capitano irriconoscibile, che pure rimanendo un grandissimo top players giocava un po da solo e mai per il bene della squadra, e una società che sembrava imbambolata e in balia degli eventi, è oggi una delle realtà meglio organizzate, sia in campo che fuori, del palcoscenico calcistico italiano, a dimostrazione di come un team bene assortito, con un dirigente forte e capace come Spalletti, e un allenatore preparato, esigente e carismatico come Spalletti, possano veramente cambiare le sorti una squadra, senza bisogno di investimenti consistenti su nuovi giocatori e soprattutto senza ulteriori esose spese, cosa che non serve assolutamente se la dirigenza non sa muovere per bene i propri passi.

  •   
  •  
  •  
  •