Totti allenatore, l’indiscrezione diventa realtà. Farà il corso a Trigoria

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Avrebbe voluto continuare a giocare all’estero, dopo 23 anni, d’affetto incondizionato e soprattutto di colpi di classe per la “sua” Roma,  e infatti gli sono pervenute molte offerte dal Giappone, ma la sua famiglia, non è stata disposta al trasferimento; Francesco Totti, è diventato dirigente della squadra giallorossa, con un ruolo al fianco di Daniele Baldissoni Luis Monchi, gli uomini mercato della Roma. L’ex capitano romanista però, non si accontenta, perchè ha deciso di fare il corso per diventare allenatore, che si terrà a Trigoria, sede degli allenamenti dei giallorossi. Evidentemente, Totti, sente troppo la nostalgia del campo di gioco, e seppur in maniera diversa vorrebbe continuare a calcarlo, a quattro mesi dal suo straziante addio, di fronte ad un pubblico, che lo ha sempre venerato. Dopo la prima giornata di campionato, tre settimane fa, aveva dichiarato :”pensavo di soffrire di meno, stando in tribuna, come dirigente,  invece si soffre il doppio, è ancora più dura”. Una frase molto eloquente che mostra ancora, una ferita  aperta, per un ultimo anno di una carriera fantastica, ma non chiusa in modo degno, e con maggiori vittorie che negli anni avrebbe meritato, magari scegliendo squadre più quotate.

Leggi anche:  Portieri Juventus: Dino Zoff difende Szczesny e ha fiducia in Perin

Il “pupone” seguirebbe l’esempio di tanti ex giocatori, che hanno intrapreso questo percorso professionale, ne è un’esempio, l’amico ed ex compagno di squadra, Vincenzo Montella, attuale allenatore del Milan, con cui Totti, conquistò il primo e purtroppo unico scudetto della sua carriera, nel 2001.
Prenderà parte al corso “B” con cui potrebbe allenare, le formazioni giovanili, ma non la più alta in grado, vale a dire la primavera. Nel caso in cui superasse il corso, potrebbe allenare tutte le squadre dilettanti, anche nel massimo campionato nazionale. Avrebbe avuto i requisiti, per partecipare ad un corso più approfondito il “Uefa A e B congiunto”, ma ne farà solo uno, facendo questo percorso in modo graduale, dedicandosi, per ora esclusivamente all’attuale incarico.

  •   
  •  
  •  
  •