Venezia, bene la difesa granitica ma ora servono i gol

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui

Nell’anticipo serale di venerdì, valido per la quarta giornata di Serie B, il Venezia di Pippo Inzaghi non è andato oltre a uno 0 a 0 interno contro uno Spezia ben organizzato.
Liguri arrivati a Venezia con lo scopo di conquistare almeno un pareggio e che, invece, nel finale hanno avuto l’occasione di fare bottino pieno. Merito di una buona prestazione difensiva, con Terzi e compagni che sono stati bravi a rendere difficile la vita agli attaccanti arancioneroverdi.
Dall’altra parte, lagunari come sempre solidi in difesa e ancora unica squadra con lo zero sotto la casella dei “gol subiti”. A conferma di ciò, dopo l’ottima prestazione di Bari da parte dell’estremo portiere Audero, venerdì il migliore in campo è risultato Domizzi, provvidenziale nel fermare più di una ripartenza dei bianconeri.
Ma se da un lato va sottolineato il grande lavoro difensivo di mister Inzaghi, dall’altro va anche detto come i soli due gol segnati nelle prime quattro uscite comincino a preoccupare. Solo la Pro Vercelli (un gol soltanto all’attivo) ha fatto peggio.
Contro lo Spezia, deludente la prova di Zigoni, mentre Falzerano ha confermato di essere un giocatore capace di saltare sistematicamente l’uomo, ma non un attaccante da doppia cifra.
Uno zero a zero che ha confermato come questo Venezia sia una squadra capace di grandi prestazioni nei cosiddetti “big match” (vedi lo 0 a 2 di Bari), mentre se si tratta di fare la partita le cose si fanno più complicate. Il modulo scelto da Inzaghi, un 3-5-2, non sembra essere la miglior scelta per gare in cui, a detta del tecnico ex Milan, l’unica opzione accettabile è la vittoria. Pochi palloni a disposizione di Zigoni, con il numero 9 lagunare che, tra una lotta e l’altra, ha finito la partita esausto ma senza aver mai impensierito seriamente Di Gennaro.
Comunque, anche e soprattutto dopo l’espulsione di Bentivoglio, l’essere riusciti a tenere la porta inviolata per la quarta partita di fila è un fattore che può fare la differenza, ancor più nel proseguo della stagione. La classifica recita un ottimo settimo posto, in attesa che arrivino i gol di Zigoni e compagni, per cominciare davvero a pensare in grande.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  DIRETTA LIVE Foggia-Juve Stabia: cronaca e risultato in tempo reale
Tags: