9.a giornata serie A, chi sale e chi scende

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Si conclude questa 9.a giornata di campionato italiano serie A, vediamo chi “sale” e chi “scende”.
Partiamo da una squadra che sale, anzi che prende l’ascensore, la Sampdoria di Gianpaolo nell’anticipo di sabato si regala un risultato col botto nella partita casalinga contro il Crotone, 5-0, blucerchiati alle stelle, scendono vertiginosamente invece i calabresi che devono tornare a fare i conti con le difficolta’ della serie A. Chi sale tra Napoli e Inter nell’anticipo finito 0-0? Classifica alla mano il punto conquistato dai partenopei significa primato mantenuto in classifica a quota 25, certo che chi sale e’ decisamente l’Inter, o per lo meno sale la consapevolezza ormai di essere una squadra che può e deve puntare a qualcosa in più di un piazzamento Champions.
Chi sale e’ certamente il Chievo, questa meraviglia del calcio italiano degli ultimi anni che riesce anche a regalarsi la vittoria per 3-2 nel derby veronese andato di scena a pranzo contro l‘Hellas, un pranzo indigesto per gli uomini di Pecchia che oltre a dover mandar giu’ un boccone doppiamente amaro, si sa che i derby non sono mai partite uguali alle altre, devono fare i conti con una classifica sempre da zona pericolo.
Sale l’Atalanta capace di vincere 1-0 contro un Bologna che si dimostra squadra sempre difficile da battere, si continua quindi a Bergamo a festeggiare sull’onda della vittoria in Europa League, scende sempre di più il Benevento nella sconfitta interna per 3-0 contro la Fiorentina che con Pioli sembra trovare giornata dopo giornata l’assetto giusto, discorso contrario per i campani capaci di collezionare nove sconfitte consecutive e di pagare un prezzo altissimo con il salto di categoria.
Scende il Torino che sembra non trovare più serenità dopo la sconfitta nel derby e perde anche oggi 1-0 contro la Roma di Di Francesco che con questa vittoria sale a quota 18 in classifica, 5 posto alle spalle della Lazio e con una partita da recuperare. Spal-Sassuolo ci ha raccontato che a salire e’ stata la squadra di Bucchi, importantissima la vittoria per 1-0 che consente ai neroverdi di fare un balzo significativo in classifica e di lasciare tra se’ e il terzultimo posto diverse squadre, Spal invece che ormai deve cambiare rotta per non rimanere invischiata in acque molto pericolose. A Udine partita da montagne russe con impennata nel secondo tempo, va sotto l’undici di Allegri, ribalta e va sul 2-1, 2-2 per l’Udinese e poi l’impennata Juventina che porta alla vittoria  per 6-2.
Sale sempre di più la Lazio di Inzaghi che sembra non fermarsi più, la vittima di questa sera il Cagliari del neo allenatore Diego Lopez, 3-0 il risultato finale, sale altissimo Ciro Immobile con una doppietta in questo inizio di stagione fantastico che lo porta nella classifica marcatori gia’ a 13 reti. Chi scende e’ il Milan e con lui Bonucci che sta conoscendo un inizio di campionato e avventura rossonera davvero difficile, l’espulsione al 25′ ha messo di fatto in salita la partita per l’undici di Montella che non e’ riuscito ad andare oltre lo 0-0 contro un Genoa sempre più in ripresa.
Giusto il tempo di rivedere in sintesi questa giornata e da martedì nuovamente ci si ritufferà in clima campionato, un campionato che fino a questo momento ha tutt’altro che annoiato.

Leggi anche:  Inter, Conte non vuole scherzi: vincere a Udine per sognare l'aggancio in vetta al Milan
  •   
  •  
  •  
  •