Benevento, De Zerbi accolto polemicamente dai tifosi: striscione offensivo al Vigorito

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Benevento De Zerbi subito contestato dai tifosi

E’ appena iniziata l’avventura di Roberto De Zerbi alla guida del Benevento ma per l’ex tecnico del Palermo i problemi sembrano già essere molto seri. Non soltanto una posizione di classifica molto deficitaria con i sanniti ultimi in campionato, inchiodati ancora a quota zero punti, ma anche una situazione ambientale che rischia di compromettere l’esperienza sulla panchina del Benevento dello stesso De Zerbi. Infatti l’accoglienza riservata da una parte dei tifosi sanniti al nuovo allenatore, che ha sostituito l’esonerato Baroni, non è stata delle migliori con un gruppo di tifosi che ha fatto ritrovare appeso ad un muro nei pressi dello stadio Vigorito uno striscione con scritte offensive nei confronti proprio di De Zerbi.

Benevento De Zerbi, ecco lo striscione dei tifosi

“De Zerbi zingaro”. Questa l’accoglienza riservata da una parte dei tifosi del club sannita al nuovo allenatore De Zerbi. Lo striscione è stato fatto trovare all’esterno dello stadio di Benevento e la contestazione del tifo beneventano ha radici datate nel tempo. Una parte dei tifosi del club sannita non perdona al neo allenatore alcune frasi proferite nei confronti dei giallorossi quando era alla guida del Foggia. I sostenitori sanniti hanno espresso il proprio disappunto anche sui social criticando la scelta della società di affidare la panchina a De Zerbi.
Intanto il nuovo allenatore si è presentato alla città nel corso di una intervista rilasciata ad Otto Channel. De Zerbi ha raccolto la sfida pur in una situazione di classifica che attualmente vede il Benevento ultimo in classifica a quota zero punti assicurando il massimo impegno per provare ad uscire da questa fase molto complicata.

Leggi anche:  19esima Giornata Serie A: tutte le partite da non perdere

Benevento De Zerbi, le parole del nuovo allenatore dei sanniti

” Non ho ricette ma mi gioco la sfida più importante della mia carriera.  L’impresa è quasi impossibile ma è stimolante. La squadra, soprattutto quando rientreranno tutti gli infortunati, non vale l’ultimo posto in classifica e per il modulo, oltre al mio classico 4-3-3, potrei provare anche altre soluzioni ma per questo attendo prima di conoscere i calciatori. Il presidente mi ha chiesto di riportare il sorriso ai tifosi. Messaggio alla piazza? Non bisogna lanciarne perché occorre cercare di fare il proprio meglio mettendoci sempre la buona fede. Quando uno da tutto non deve rimproverarsi nulla. Sono un passionale che vive le cose al massimo e lo farò anche a Benevento”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: