Benevento, sei tu la peggior squadra d’Europa! I numeri parlano da soli…

Pubblicato il autore: Lorenzo Segui

BeneventoZero punti conquistati in undici giornate di Serie A: prosegue senza fine il momento negativo del Benevento, ancora a secco nella prima apparizione della sua storia nel massimo campionato italiano.
La nettissima sconfitta subita per mano della Lazio di fronte ai propri tifosi, che nonostante tutto continuano comunque a riempire le tribune del “Ciro Vigorito” durante le partite casalinghe ed affrontano ai limiti del possibile le trasferte della propria squadra del cuore, è solo l’ultima di una lunga serie cominciata il 20 agosto scorso al “Ferraris” di Genova contro la Sampdoria.

Proprio quella partita, la prima del Benevento in Serie A, si era messa fin da subito nel verso giusto, con il gol di Amato Ciciretti al 15′, prima delle due reti blucerchiate firmate Fabio Quagliarella.
Hanno fatto seguito le due battute d’arresto, seppur di misura, contro Bologna e Torino; poi, come se non fossero già abbastanza tre sconfitte nelle prime tre uscite, dieci gol subiti in due match con Napoli (0-6) e Roma (0-4).

Leggi anche:  Formazioni ufficiali Genoa Cagliari, ecco le scelte di Ballardini e Di Francesco

Il 24 settembre c’era tanta attesa allo “Scida” per quello che in molti avevano definito “spareggio salvezza” fra il Crotone e gli Stregoni: al 43′, dopo un primo tempo piuttosto equilibrato, ha sbloccato il match per i calabresi Rolando Mandragora, a cui ha dato seguito Marcus Rohden nella ripresa. E niente, zero punti anche contro una squadra più che abbordabile.

Successivamente, ko prevedibile contro l’Inter e brutto stop contro l’Hellas Verona, un’altra delle squadre con cui il Benevento combatterà (se ne avrà le forze…) per non ritornare in Serie B. Negli ultimi sette giorni, altre tre sconfitte contro Fiorentina, Cagliari e Lazio.

Il cambio di allenatore, l’esonero di Baroni, l’arrivo non felice di De Zerbi complice un passato dello stesso sulla panchina del Foggia, i pochi giocatori capaci di poter lottare ad armi pari contro le medio-piccole del campionato, l’assenza di esperti: a questo Benevento manca tutto, urge al più presto un solido intervento sul mercato ma, soprattutto, è necessario sbloccarsi in classifica. Dopo undici giornate, è davvero incredibile che una squadra non sia ancora riuscita a conquistare un punto.

Leggi anche:  Pagelle Udinese Inter 0-0: i nerazzurri sprecano il match point

Battuto il record italiano di sconfitte, che apparteneva al Venezia, ora il Benevento si appresta a distruggere anche il record di sconfitte a livello europeo. I francesi del Grenoble, nella stagione 2009/10, persero dodici partite di fila nelle prime dodici giornate, proprio come accadrà tra pochi giorni ai campani, ai quali servirà un vero e proprio miracolo sportivo per uscire dall’Allianz Stadium di Torino con almeno un pareggio contro la Juventus.

RECORD NEGATIVI DETENUTI DAL BENEVENTO
– Nove sconfitte nelle prime nove giornate di Serie A (battuto record del Venezia 1949/50);
– Considerando i cinque maggiori campionati europei (Serie A, Liga, Bundesliga, Premier e Ligue 1), è l’unica squadra ancora a zero punti;
– Secondo peggior attacco d’Europa (4 gol in 11 partite) dietro al Werder Brema (3 reti in 10 partite);
– Peggior difesa d’Europa con 29 reti subite.

La domanda che tutti gli appassionati di calcio si stanno ponendo in questo momento è la seguente: quanto bisognerà aspettare per vedere il Benevento con almeno un punto in classifica? A giudicare il calendario, potrebbe essere il 19 novembre la data ideale: al “Vigorito“, infatti, arriverà il Sassuolo di Cristian Bucchi. Prima della pausa Nazionale, un impegno impossibile contro la Juventus all’Allianz Stadium.
Nel caso in cui il Benevento non dovesse riuscire a sbloccarsi col Sassuolo, l’occasione successiva potrebbe avercela il 10 dicembre con l’Udinese (escludiamo doverosamente gli impegni con Atalanta e Milan) alla Dacia Arena.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: