Bonucci? Solo Ibrahimovic ha spostato gli equilibri in serie A

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Bonucci

Bonucci? Solo Ibrahimovic ha spostato gli equilibri in Italia

Bonucci? Neanche Totti, Ronaldo e Del Piero hanno spostato gli equilibri. E’ dal giorno del suo passaggio al Milan che si parla di Leonardo Bonucci come “spostatore di equilibri”. Effettivamente negli ultimi sei anni il difensore è stato tra le colonne della Juventus, prima di Conte e poi di Allegri, ma non è stato il solo a contribuire ai successi dei bianconeri in Italia. Buffon, Barzagli, Chellini, Pirlo, Pogba, Marchisio, Tevez, Morata, Dybala, Mandzukic, Higuain e altri ancora hanno dato tutti il loro apporto alla causa bianconera. Bonucci è stato sicuramente l’acquisto che ha fatto parlare di più l’estate scorsa, ma non si poteva certo pensare che lui da solo avrebbe fatto le fortune del Milan. Un difensore poi non ha mai spostato gli equilibri del campionato italiano. Alessandro Nesta ha giocato in serie A dal 1995 al 2013, vincendo tre scudetti. L’ex Lazio e Milan è da tutti considerato uno dei più forti difensori di sempre e non ha fatto collezione di scudetti. Così come Fabio Cannavaro che non ha vinto il campionato con Parma e Inter, squadre comunque attrezzate per vincere. Il difensore napoletano ha vinto con la maglia della Juventus due campionati, poi al Real Madrid non è riuscito a imporsi come in Italia. Stesso discorso per Lilian Thuram, che non riuscì, insieme a Buffon e Cannavaro, a portare uno storico scudetto al Parma. Il difensore francese vinse anche lui solo con la maglia della Juventus.

Leggi anche:  Quanto bello è l'Hellas Verona, sorpresa del campionato

Negli ultimi 20 anni di serie A uno dei grandissimi difensori è stato Walter Samuel. Campione d’Italia con la Roma nel 2001 e poi scudettato più volte con l’Inter. Ma in nerazzurro i primi anni di Samuel furono avari di soddisfazioni, segno che neanche un forte difensore come l’argentino poteva spostare i famosi “equilibri”. Nesta, Cannavaro, Thuram, Samuel, mostri sacri della difesa che come Bonucci non sono riusciti a portare vittorie a raffica. Nel campionato di serie A è fondamentale avere la miglior difesa, ma l’unico “spostatore” dell’ultimi ventennio di calcio in Italia è stato un attaccante.

Bonucci stia tranquillo, solo Ibrahimovic è stato “spostatore” di equilibri

Totti, Del Piero, Ronaldo, Vieri, Higuain? No, l’unico a spostare gli equilibri del campionato di serie A è stato sua maestà Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese ha vinto sei scudetti sul campo in Italia: due con la Juve poi revocati, tre con l’Inter e uno con il Milan. Ibra arriva alla Juventus dall’Ajax nel 2004. Dopo poco tempo Fabio Capello lo preferisce ad Alex Del Piero, non uno qualsiasi, al fianco di Trezeguer. Dopo la bufera Calciopoli l’Inter di Moratti lo prende per vincere tutto. I nerazzurri con lo svedese vincono tre scudetti consecutivi. Ibra va al Barcellona, dove vince il campionato, ma non va d’accordo con Guardiola. Silvio Berlusconi decide che è ora di tornare a vincere e manda Galliani a comprare Ibra. I rossoneri vincono lo scudetto al primo anno con lo svedese, arrivano alle spalle della Juventus di Antonio Conte l’anno successivo.

Leggi anche:  L'Inter si aggrappa a Lukaku per tornare a vincere il derby

Totti ha vinto un solo scudetto pur giocando in grandi versioni della Roma. Ronaldo non è riuscito a riportare lo scudetto all’Inter. Vieri non ha vinto con la Lazio e ha fallito con l’Inter. Higuain ha vinto con la Juventus, ma non ha rinverdito i fasti di Maradona a Napoli. Del Piero ha vinto tanto con la Juventus, ma non si è misurato in altre realtà in cui è più difficile vincere. Grandi, grandissimi nomi rimasti a bocca asciutta nel campionato più difficile del mondo. Sicuri che Bonucci avrebbe dovuto riportare da solo il Milan dal sesto posto a lottare per lo scudetto? Molto, molto improbabile.

  •   
  •  
  •  
  •