Cagliari, la situazione dopo la partita di Torino. Diego López non ci sta, Barella unica gioia

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


Il turno infrasettimanale  deve aver pesato sulle forze fisiche e mentali dei giocatori. Il successivo match di domenica ha infatti sentenziato l’ennesimo k.o. in campionato per il Cagliari. Sotto la gestione López sono già 2 le sconfitte per i rossoblù in tre gare. Se all’Olimpico contro la Lazio le chance di fare bene erano ridotte all’osso, a Torino contro i granata ci si attendeva qualcosa in più. Ora l’appuntamento di domenica alla Sardegna Arena diventa vitale per la lotta nelle zone di bassa classifica.

Cagliari, Diego Lopez dopo il match di Torino.

Il 2-1 con cui il Cagliari è uscito sconfitto da Torino lascia l’amaro in bocca a giocatori e tecnico rossoblù: “Non accetto la sconfitta, si poteva vincere. Ci sono stati diversi errori tecnici, dovevamo far male nel primo tempo quando il Torino non era al meglio“.
Errori tecnici appunto. Nel primo tempo, dopo il vantaggio siglato da Barella, il Cagliari ha avuto le occasioni per stendere il Toro ma non le ha sfruttate. Almeno due i contropiedi falliti dai sardi con Pavoletti che non è mai entrato realmente in partita non solo per colpa sua. Il calcio, si sa, è crudele. I rossoblù non hanno chiuso il match e Iago Falque prima e Obi nella ripresa hanno scritto il risultato definitivo sul tabellino. Il gol vittoria dei granata è venuto proprio su un errore tecnico-tattico della difesa. Troppo spazio sulla corsia esterna e troppo lenti i giocatori a riposizionarsi in marcatura sul giovane nigeriano.

Leggi anche:  Inter, Conte: “Se vogliamo lottare per qualcosa di importante, serve maggiore precisione”

Cagliari, brilla solo Barella.

Barella è l’unico centrocampista puro impiegato da López che non è mai stato sostituito dal suo undici iniziale. Talento cristallino per il giovane cagliaritano che già si era messo in mostra nella passata stagione. Perno del centrocampo sardo e unica vera gioia rossoblù di questo avvio di stagione. Il centrocampista numero 18 ha trovato contro il Torino la seconda rete in campionato dopo quella contro la Spal, ed insieme al giovane Romagna è la nota felice di questo Cagliari. Ha giocato tutte le 11 partite finora, totalizzando 989 minuti giocati e uscendo anzitempo prima di domenica, solamente in altre due occasioni, contro Spal e Sassuolo. I punti salvezza passano anche e soprattutto da lui.

Cagliari, domenica alla Sardegna Arena arriva il Verona.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 19.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

Nuovo match, nuova sfida per il Cagliari. Alla Sardegna Arena arriva il Verona reduce dalla buona prestazione contro l’Inter. Domenica che sarà cruciale per i sardi che dovranno vincere per non essere trascinati nelle zone pericolosissime della classifica. Sarà uno scontro diretto a tutti gli effetti. Il Verona ha 3 punti in meno dei rossoblù che saranno obbligati a fare risultato pieno in casa davanti al proprio pubblico. Lopez si affiderà ancora alla regia e alla classe dell’instancabile Barella ma per vincere serve l’intera squadra.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: