Campionato Primavera 1 – Una Domenica a tinte nerazzurre

Pubblicato il autore: Matteo Deklan Cecchetti Segui

Inter raggiunge l’Atalanta in vetta,
Milan non va oltre l’1-1, Verona è clivense.

Un frame del match di sabato

ANTICIPO SENZA VINCITORI – La capolista Atalanta impatta contro il Milan di Gattuso. A mister Brambilla non riesce l’allungo. Llamas confonde la propria porta con la porta avversaria e sigla l’autogol del vantaggio bergamasco. Gattuso ha in Dias il suo faro è l’attaccante esterno ristabilisce la parità sul tramonto della prima frazione. Vani i tentativi atalantini nella ripresa, il fortino rossonero tiene all’assalto.

DERBY SCALIGERO – Chievo Verona e Hellas Verona incrociano i propri tacchetti in una delle partite più attese del sabato pomeriggio. Primo tempo spaziale dei clivensi, abili a ribaltare l’effimero vantaggio lampo del Verona firmato Tupta, grazie alla doppietta di Isufaj e al gol di Vignato. L’inerzia della gara è già segnata e nella ripresa il Verona non ha le energie per la rimonta e Rabbas chiude ogni discorso match.

Isufaj, l’asso del Chievo Verona

VETTA NERAZZURRA –  Vecchi, ancora out per squalifica, consegna di nuovo la formazione Campione d’Italia ancora a Luca Facchetti. Fiorentina e Inter si giocano la testa della classifica con due moduli a specchio: 4-2-3-1 per entrambe le compagini. E’ l’Inter però fin dalle prime battute a dettare legge. Belkheir e Zaniolo lavorano sui fianchi dei gigliati, pronti ad innescare il biondo Odgaard. La rete giunge come conseguenza della maggior propensione offensiva ma a siglare il vantaggio 

Il franco-alegerino Belkheir in azione

è il capitano Lombardoni che si libera della marcatura dell’altro numero 6 Pinto per poi freddare Ghidotti con una pregevole girata, all’altezza del dischetto di rigore. Ottimo il corner battuto dal belga Emmers. Sala duetta con Odgaard,  e il triangolo viene concluso dal mancino potente del terzino, pallone alto di poco. Lombardoni si dimostra prezioso anche in fase difensiva e chiude Meli lanciato in area da Gori. Sul ribaltamento instantaneo, cross al bacio di Emmers da destra e parata decisiva di Ghidotti sull’incornata di Zaniolo a botta sicura. L’inter sciupa così il possibile 2-0. La Fiorentina ha nel figlio d’arte Riccardo Sottil, il giocatore più ispirato ma è troppo poco per scardinare la retroguardia Campione d’Italia. La reazione della Fiorentina non porta a nulla di concreto e in pieno extratime Rovers blinda il successo con un preciso diagonale. L’Inter ora prima con l’Atalanta, Fiorentina a meno uno dalla vetta.

Leggi anche:  UFFICIALE - Il Torino ha un nuovo allenatore! Contratto, clausola e dettagli.

LE ALTRE SFIDE – Lazio e Bologna non vanno oltre l’1-1. Medesimo risultato per Sassuolo e Sampdoria. Colpo esterno del Genoa contro una dimessa Udinese. Zanimacchia apre le marcature e Micovschi a tempo ampiamente scaduto fissa il 2-0 finale. Nel posticipo la Juventus è corsara a Napoli e cala il poker che vale la prima vittoria stagionale. Partenopei sempre avulsi dal gioco. Le reti bianconere sono di Oliveri, Morrone, Portanova e Anzolin. Torino-Roma in programma al Filadelfia è stata rinviata a data da destinarsi.

 

 


RISULTATI DELLA 6ª GIORNATA:

Atalanta-Milan 1-1
Chievo Verona-Hellas Verona 4-1
Lazio-Bologna 1-1 
Udinese-Genoa 0-2
Sampdoria-Sassuolo 1-2 
Inter-Fiorentina 2-0
Napoli-Juventus 1-4
Torino-Roma rinviata


CLASSIFICA DOPO 6 GIORNATE:

Inter 13
Atalanta 13
Fiorentina 12
Sassuolo 11
Chievo Verona 11
Genoa 10
Roma 10 *
Milan 10
Hellas Verona 9
Juventus 6

Torino 6 *
Lazio 5
Bologna 5
Udinese 5
Napoli 3
Sampdoria 2

Leggi anche:  Prva Liga croata: Dinamo Zagabria-Fiume 0-2

* una partita in meno

 

  •   
  •  
  •  
  •