Giudice Sportivo Serie C: stangata Bucolo, ammende per Vicenza, Triestina, Casertana e Siracusa

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Giudice Sportivo Serie C: stangata Bucolo, ammende per Vicenza, Triestina, Casertana e Siracusa

Il Giudice Sportivo della Serie C in merito alle gare dello scorso week-end (20-22 ottobre), valevoli per la decima giornata del campionato, ha adottato le seguenti deliberazioni.

GIRONE A:
Squalificato
per una gara effettiva la punta del PratoRomani Tchanturia, per un motivo quasi assurdo. Infatti, come riportato nelle motivazioni del Giudice, il calciatore “al termine del primo tempo, rientrando negli spogliatoi, provocava una violenta discussione con alcuni avversari e frantumava con un pugno la targa dello spogliatoio della propria squadra“.
Anche i calciatori CazzolaCasini, rispettivamente dell’Alessandria e dell’Arzachena, sono stati squalificati per un turno per recidività in ammonizione, essendo giunti alla quinta infrazione nel corso del campionato.
Anche l’attaccante della Viterbese CastrenseLoris Tortori, è stato squalificato per una gara effettiva per doppia ammonizione, entrambe per condotta non regolamentare.
Ammonizione 
per il direttore generale della CarrareseGianluca Berti, perché espulso per aver protestato nei confronti dell’arbitro durante la gara, nonché per il preparatore dei portieri del Bassano VirtusMarco Zuccher e per il vice-allenatore del TeramoGiovanni Zicchella, entrambi per aver assunto un comportamento non regolamentare.
Entrano in diffida i calciatori Gazzi dell’AlessandriaSabatino dell’ArezzoCaponi del PontederaHamlili della Pistoiese: alla prossima ammonizione, scatterà per loro la squalifica per un turno per recidività.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Spal: streaming gratis e diretta tv in chiaro Rai 1?

GIRONE B:
Squalificato per una gara effettiva il difensore del GubbioMatteo Piccinni, per “aver giocato il pallone con le mani impedendo la segnatura di una rete“.
Anche il calciatore Gritti del Mestre è stato squalificato per un turno per recidività in ammonizione, essendo stato ammonito per la quinta volta nel corso del campionato.
Ammende per Vicenza Triestina rispettivamente di 1.000,00 euro 500,00 euro. La prima perché al termine della gara avevano consentito l’accesso negli spogliatoi ad una persona non identificata, ma riconducibile alla squadra biancorossa, mentre la seconda perché i propri sostenitori hanno danneggiato servizi del settore ospiti dello stadio “Romeo Menti” di Vicenza. Sempre alla Triestina è stata irrogata un’ulteriore ammenda alla precedente per un importo pari a 1.000,00 euro perché i propri tifosi hanno introdotto nel proprio settore due petardi facendoli esplodere senza conseguenze.
Squalificato per una gara effettiva il preparatore dei portieri della TriestinaDiego Del Piccolo, perché espulso per aver protestato nei confronti dell’arbitro.
Squalificato per tre gare effettive l’allenatore del RenateRoberto Cevoli, per aver rivolto frasi offensive nei confronti dell’arbitro, nonché del suo assistente.
Entrano in diffida i calciatori Ramos Borges della Feralpi SalòBurrai del PordenoneBovo della ReggianaCaidi del Teramo: alla prossima ammonizione, scatterà per loro la squalifica per una giornata per recidività.

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: dubbi per Pioli, Conte lancia Eriksen?

GIRONE C:
Squalificato per due gare effettive per il centrocampista del CataniaBucolo, per “atto di violenza verso un avversario“.
Squalificato per una gara effettiva l’attaccante del CatanzaroSaveriano Infantino, per avere assunto, al rientro in campo dopo l’intervallo, un comportamento gravemente scorretto nei confronti di un avversario.
Ammende 
da 1.000,00 euro per Casertana Siracusa. I campani perché “propri sostenitori introducevano e accendevano, nel proprio settore, due fumogeni uno dei quali veniva lanciato sul terreno di gioco“, mentre i sostenitori della società siciliana introducevano nel proprio settore un petardo, facendolo esplodere, senza tuttavia portare particolare conseguenze.
Per quanto attiene ai dirigenti, è stato inibito fino al 31 dicembre 2017 il direttore Aniello Martone perché aveva pronunciato reiteratamente espressioni blasfeme nei confronti dell’arbitro e, allontanato da quest’ultimo dal campo, tentava di colpire lo stesso, impedito solo dall’intervento dei componenti della panchina. Allo stesso dirigente è stata irrogata un’ammenda di 1.000,00 euro.
Inibizione fino al 31 ottobre 2017 anche per il segretario generale della RegginaVincenzo Greco, per aver assunto inveito nei confronti dell’arbitro con ripetute proteste, nonché per aver assunto un comportamento irriguardoso nei confronti dell’arbitro. Allo stesso dirigente, poiché recidivo, è stata irrogata l’ammenda di 500,00 euro.
Ammonizione per l’allenatore del SiracusaPaolo Bianco, per “comportamento non regolamentare in campo“.
Entra in diffida il calciatore dell’Akragas, Francesco Paolo Salvemini: alla prossima ammonizione, scatterà per lui la squalifica per un turno.

  •   
  •  
  •  
  •