Il mental coach di Bonucci: “Toccato il fondo, adesso dovrà rinascere”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Bonucci

Bonucci, parla il suo mental coach

Il momento no attraversato da Leonardo Bonucci in questo inizio di stagione ha toccato il punto più alto ieri pomeriggio dopo l’espulsione comminata dall’arbitro Giacomelli a causa di una gomitata rifilata dall’ex Juventus a Rosi, durante Milan Genoa. I fischi impietosi di San Siro, la consapevolezza di aver gettato al vento la possibilità di giocare la gara tanto attesa di sabato prossimo contro la sua vecchia squadra e la rabbia per aver lasciato in dieci la squadra di cui è diventato nuovo simbolo hanno fatto “sprofondare” lo stato d’animo di Bonucci. Una “caduta” che è arrivata dopo mesi di critiche legate al suo rendimento con la maglia rossonera, non minimamente paragonabile a quello che il difensore aveva abituato ad avere con la Juventus, e che ha rappresentato probabilmente il momento più basso della carriera del giocatore. Ma da questa situazione di grande difficoltà Bonucci è pronto a ripartire con rinnovata voglia di mettersi a disposizione della squadra rossonera per aiutarla ad uscire dal momento di difficoltà in cui versa il Milan di Montella. Ne è convinto Alberto Ferrarini, mental coach di Bonucci, che intervistato durante la trasmissione radiofonica Tutti convocati, in onda su Radio 24, ha parlato dell’attuale stato d’animo del difensore rossonero.

Leggi anche:  Milan, neanche il Covid ti ferma!

Bonucci, le parole del suo mental coach

“Ho definito Bonucci come un soldato: in primis lo è stato di Conte e della Juventus. Bonucci è un giocatore che non è nato campione, ma lo è diventato attraverso il lavoro. Con l’espulsione di ieri è stato toccato il fondo,ma ora sono convinto che ci sarà la rinascita, come se si fosse chiuso un capitolo per aprirne un altro. Lui ha fame di tornare più forte di prima.Il Milan ha preso uno dei centrali più forti del mondo, ma alla Juventus era focalizzato su se stesso e non sugli altri, e questo deve tornare a farlo anche al Milan. Bonucci deve fare Bonucci, può dare un valore immenso al Milan, ma attraverso il lavoro e gli allenamenti. Leonardo sa di aver toccato il fondo, ora ripartirà più forte di prima. Andiamo avanti con il lavoro su di lui , tutta la fama avuta al Milan è stata bella ma non gli ha fatto bene”

  •   
  •  
  •  
  •