Il Milan è Suso-dipendente, la vittoria con il Chievo è solo un palliativo per Montella

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

Battendo il Chievo 1-4, il Milan ritrova la vittoria esterna dopo due mesi. Era dal 3-0 del 20 Agosto a Crotone che i rossoneri non riuscivano a portare a casa i tre punti esterni. Due sono le considerazione da fare sul match di ieri sera a Verona, una su Bonucci e l’altra su Suso, vediamone il perchè.

L’impiego di Suso è di vitale importanza  per questa squadra, il modulo impiegato fino allo scorso match giocato contro il Genoa e cioè il 3-5-2 non è adatto per l’esterno spagnolo, che era costretto a giocare in una posizione non sua, cioè da seconda punta o da rifinitore dietro all’unica punta. Nella scorsa stagione giocando nei tre davanti ha segnato sette reti in 37 presenze, da sottolineare anche il suo apporto in zona assist, 11 in tutta la stagione, un apporto determinante per il piazzamento finale del Milan in zona Europa League. in questa stagione ha giocato 5 volte in posizione di ala destra con due reti all’attivo e 4 assist, quattro come seconda punta, quattro da trequartista ed una come centrocampista centrale con un apporto di tre reti e due assist.

L’acquisto di Bonucci è stato in un certo senso letale per l’esterno Spagnolo, con l’azzurro in campo il modulo adottato è stato il 3-5-2, tutto ciò ha penalizzato il gioco del Milan in attacco con il sacrificio proprio di Suso a favore di Andrè Silva o Kalinic. L’assenza dell’ex Juventus ieri sera come era prevedibile, ha migliorato la manovra del Milan in fase offensiva, a questo punto Montella deve confermare il 3-4-3 visto in campo a Verona che sembra il modulo cucito a pennello per non penalizzare nè SusoBonucci.

Leggi anche:  Super League svizzera: San Gallo-Lugano 0-1

Contro la Juventus, il tecnico rossonero confermerà con molta probabilità lo stesso undici visto in campo ieri sera, la squadra di Allegri sarà osso durissimo da superare, considerando che il Milan in questa stagione non è mai riuscita a battere una big.  Che sia la volta buona?

  •   
  •  
  •  
  •