Inter in vetta. Nerazzurri primi in classifica aspettando il Napoli. Icardi capitano vero, Spalletti condottiero

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


L’Inter si gode la vetta solitaria della classifica. La notte trascorsa da primi della classe porta sensazioni bellissime al popolo nerazzurro. Quel punticino di vantaggio sul Napoli, impegnato questa sera contro il Genoa, vale tanto in termini di autostima e fiducia per il futuro.
La squadra di Spalletti, capitanata da un Mauro Icardi cecchino in campo e vero leader di questo gruppo, è sola in testa alla classifica di Serie A. La vittoria di San Siro contro la Sampdoria regala novanta minuti di vera Inter. Brillante e devastante nel primo tempo, pazza, come dicono il suo inno e la sua storia, sul finire del match. Dal 3-0 al 3-2 finale. Anche questa è l’Inter.

Inter, i protagonisti del match contro la Sampdoria.

Il tabellino dice Skriniar, Icardi, Icardi. Sono loro gli autori delle reti che hanno portato l’Inter al successo contro i blucerchiati. Il gigante della difesa, nuovo muro nerazzurro, è entrato di diritto nel cuore dei tifosi. Sicuro dietro e all’occorrenza bravo anche ad impostare, ha il merito di sbloccare il match con una zampata sotto porta. Era già successo contro il Crotone, il giovane 22enne slovacco si ripete e apre le danze anche contro la Doria.
Icardi invece ne fa due. Il capitano nerazzurro è ancora una volta decisivo. Il gol del raddoppio è una splendida conclusione al volo su palla spiovente. Il 3-0, invece, è pura formalità con Perisic che gli serve una palla solamente da appoggiare in rete. Infallibile sotto porta, sta studiando da vero leader e capitano. Le parole dell’argentino nel post partita sono quelle di chi ha capito cosa serve per diventare grandi “Siamo in testa, ma non possiamo rischiare così, riaprendo una partita che era già chiusa. Su queste situazioni dobbiamo migliorare e anche su tante altre cose. Ci sentiamo forti perché conosciamo le qualità che abbiamo, ma la strada è ancora lunga: dobbiamo continuare a vincere e alla fine vedremo dove siamo, l’obiettivo rimane la Champions“.

Leggi anche:  Auriemma: "Cuadrado guarito dal Covid e migliore in campo contro il Napoli? La sua cura potrebbe salvare la popolazione mondiale" (VIDEO)

Inter, Spalletti sulla classifica e sullo scudetto.

Braccia al cielo e sorrisi alla Nord. Luciano Spalletti si è calato nel ruolo di vero interista. Non solo di allenatore. L’esultanza contestata di Crotone, la felicità del derby e l’affetto verso la curva più calda del popolo nerazzurro. Con il tecnico toscano, fin’ora l’Inter è imbattuta, prima da sola almeno per una notte ma soprattutto si gioca lo scudetto con le altre big del campionato. “Quello che mi emoziona non è la classifica, ma il comportamento della squadra. Non c’è classifica senza una squadra forte“. Parole intelligenti. Mai fuori luogo. Usare la testa prima di tutto. Questo fa Spalletti, questo fa l’Inter che ha trovato un vero condottiero per combattere alla pari con tutti.

  •   
  •  
  •  
  •