Inter, la fortuna e il VAR contro ma i 3 punti con il Verona arrivano lo stesso

Pubblicato il autore: Peppe Fiorino Segui


Per alcune giornate si è discusso di VAR e legni che avrebbero aiutato l’Inter di Spalletti contro Fiorentina, Roma e Spal. Da qualche partita però il trend sembra cambiato. Lo conferma la sfida di ieri sera contro il Verona al Bentegodi con rigore a favore per la squadra di Pecchia concesso grazie all’aiuto tecnologico e traversa colpita di testa da Vecino sugli sviluppi di un corner dopo il pareggio dei veronesi. Tre legni, inoltre, erano già stati colpiti nella gara precedente contro la Sampdoria. Che la buona sorte accompagni l’Inter o meno non sembra avere importanza, perché la Beneamata i 3 punti li porta a casa comunque anche senza giocare al top. Emblematica a riguardo la prestazione di  Ivan Perisic a Verona. Il croato aveva sbagliato tutto o quasi e stava risultando tra i peggiori in campo. All’improvviso però ecco la svolta. Da un corner respinto dalla difesa di Pecchia nasce la rete che regala la vittoria ai nerazzurri con Perisic che, lasciato colpevolmente solo di calciare dal limite, batte imparabilmente il portiere scaligero e regala ai suoi 3 punti fondamentali per restare in scia, a -2, del Napoli capolista.

Leggi anche:  Juventus, ecco i convocati per la Supercoppa contro il Napoli: solo Ronaldo e Morata in attacco

È stata una partita difficile quella di Verona per l’Inter, alla stregua di quelle con Benevento e Crotone, squadre che giocano con undici giocatori a difesa della porta creando un muro quasi invalicabili. Nella gara di ieri sera, peraltro, è mancato il giusto apporto di due giocatori simbolo di questa Inter: Handanovic e Icardi. Il portiere sloveno che era stato assoluto protagonista contro il Napoli, ha regalato un rigore netto agli avversari con una uscita a valanga su Cerci, sanzionata grazie al VAR. Impalpabile invece il capitano Mauro Icardi, avulso dal gioco a causa dei pochissimi palloni ricevuti. Male ieri anche D’Ambrosio, partita insufficiente la sua, meglio Nagatomo sull’altra fascia che ha sofferto le sfuriate di Cerci e Romulo ma è stato tatticamente ordinato ed è riuscito a limitare i danni.

Leggi anche:  Juventus, la svolta deve arrivare in Supercoppa: un trofeo può ridare tranquillità a Pirlo

La partita del Bentegodi (di cui potete vedere qui le azioni salienti), in definitiva, ha sottolineato come il VAR intervenga quando ce n’è bisogno e i pali e le traverse facciano parte de gioco. Sono i campioni a indirizzare le partite, soprattutto nei momenti delicati, e la squadra a disposizione del tecnico nerazzurro ha dimostrato di averli.

  •   
  •  
  •  
  •