Inter-Milan, Bonucci ancora sotto accusa. Sua la colpa per i gol di Icardi

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

bonucci

Quattro sconfitte su otto partite disputate, questo il magro bilancio del Milan in questo inizio di stagione. Anche nel derby perso 3-2 contro l’Inter,  il reparto sotto accusa è di nuovo la difesa con Leonardo Bonucci ancora sul banco degli imputati. Il nuovo capitano milanista, ieri sera, si è imbattuto in Mauro Icardi che non gli ha dato respiro. Sopratutto sul primo gol dell’argentino, il centrale rossonero, è sembrato in palese ritardo nella chiusura difensiva. Identica situazione sulla seconda rete dell’argentino lasciato incredibilmente solo a due passi da Donnarumma.

Il giocatore ammirato per sei anni all’Allianz Stadium, casa della Juventus sei volte scudettata, puntuale negli interventi difensivi, punto cardine nell’impostazione del gioco offensivo, e prezioso elemento in zona gol, non c’è più. I tifosi rossoneri si domandano dove sia finito. Il confronto di rendimento, rispetto ai tempi d’oro e vincenti bianconeri, è impietoso. Tutte le quattro sconfitte rossonere, in campionato, sono figlie di una saga di suoi errori davvero evitabili. A cominciare dalla sfida contro Lazio, con Immobile autore di una tripletta anche grazie alle incertezze del difensore rossonero. Che dire poi del match contro la Sampdoria, con Duvan Zapata, che gli sbuca alle spalle in area di rigore, e segna, agevolato anche dall’errore del cugino Cristian. Contro la Roma, poi, Bonucci ha perso il duello con Edin Dzeko Alessandro Florenzi che, dopo 10 mesi di stop, sembrava Usain Bolt al suo cospetto.

Leggi anche:  Probabili formazioni Fiorentina Crotone: ecco le scelte di Prandelli e Stroppa

Anche l’impatto con l’Europa League del nuovo leader difensivo rossonero, non è stato affatto semplice. Emblematica la sfida con il Rijeka con uno dei due gol dei croati propiziato da un suo errore in recupero su Augustyn.  Di fatto, quindi, Bonucci non sta dando al Milan l’affidabilità difensiva di cui ha bisogno. C’è tempo per rimediare, non per sbagliare ancora.

  •   
  •  
  •  
  •