Inter, super difesa: 3 goal subiti in 7 partite. Non accadeva dal 2010

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Contratti Inter

Con la vittoria sul campo del Benevento per 2-1, l’Inter continua spedita la sua corsa verso la prossima Uefa Champions League, agganciando momentaneamente la Juventus al secondo posto con 19 punti, frutto di sei vittorie e un pareggio sul campo del Bologna. L’ottimo avvio dei nerazzurri porta la firma del tecnico Luciano Spalletti che, nonostante un mercato non esaltante, ha saputo trarre il meglio dai propri calciatori, lavorando sulla testa di questi ultimi  e occupandosi del miglioramento della fase difensiva. Proprio l’assetto difensivo sembra essere l’arma in più di questa nuova squadra in costruzione, finora i nerazzurri hanno incassato solamente 3 goal tutti in trasferta ( 1 a Roma, 1 a Bologna, 1 a Benevento) in 7 partite giocate.

Miglior difesa della A

L’Inter attualmente, vanta la migliore difesa della Serie A: i nerazzurri sono anche terzi nella speciale classifica dei tiri subiti nello specchio nella porta (19, media 2.7), piazzati solamente dietro alla Juventus (15) e il Napoli di Maurizio Sarri (12). Secondo dati riportati dalla ‘Gazzetta dello Sport’, nell’area presidiata dalla coppia SkriniarMiranda, si tira mediamente 5 volte a partita. Anche in questa particolare classifica, l’Inter si trova solo dietro Juventus e Napoli. Ai due centrali va certamente il merito di aver trovato sin da subito la giusta intesa, in casa nerazzurra non si vedeva  un bottino di soli 3 goal subiti nelle prime 7 giornate dalla stagione 2010-2011.
Sicuramente oltre ai difensori e ad Handanovic, anche la fortuna è stata un fattore molto importante per mantenere bassa la media dei goal subiti: sono stati ben sei i legni colpiti dagli avversari (3 dalla Roma, 1 dalla Fiorentina e 1 dal Benevento). D’altronde neanche lo stesso Spalletti lo nasconde e ne ha parlato qualche giorno fa in conferenza: “La fortuna c’è e aiuta gli audaci, gira dalla parte di chi pensa di fare le cose giuste e noi lo stiamo facendo. Dobbiamo alzare creatività e fantasia in alcune giocate. Ci vogliono intuizioni pazzesche, delle giocate pazzesche. In questo dobbiamo fare di più, soprattutto se siamo l’Inter”.

Leggi anche:  Davide Nicola: Torino è casa tua

Fattore Martusciello
Uno dei segreti del miglioramento difensivo dell’Inter, molto spesso snobbato, è certamente Giovanni Martusciello. Reduce da una stagione non esaltante da allenatore dell’Empoli culminata con la retrocessione, Martusciello si è rimesso subito in gioco come collaboratore tecnico dell’Inter. Fin dal ritiro di Brunico l’ex tecnico dell’Empoli insieme agli altri componenti dello staff nerazzurro, hanno insistito sia individualmente che collettivamente sui movimenti della fase difensiva: non è un caso che a partire dalla partita contro lo Schalke di fine Luglio fino all’ultima amichevole contro il Betis a Lecce, l’Inter ha subito solamente 3 reti in 6 partite.

Le parole di Spalletti
Dopo questi risultati positivi di inizio stagione l’Inter non si vuole fermare, soprattutto ora che al rientro della pausa delle Nazionali, ci sarà il derby contro un Milan ferito dagli esiti negativi delle ultime partite. Il tecnico ha così parlato del Derby e delle prossime partite: “Bisogna soffrire, giocare e vincere di volta in volta (..) L’Inter pronta il derby? Sì, per qualsiasi partita, l’anno scorso questa squadra è arrivata a 30 punti dalla vetta, insomma possiamo e dobbiamo migliorare. Bisogna cambiare la mentalità completamente e non è facile. Siamo però sulla strada buona”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: