Juventus, contro lo Sporting Lisbona una notte decisiva per gli ottavi di Champions League

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


E’ la notte di Halloween, la vigilia di Ognissanti ma anche la vigilia del 120° anniversario della fondazione della Juventus, e la stessa squadra di Torino questa sera scenderà in campo a Lisbona, in una sfida decisiva in vista degli eventuali ottavi di Champions League, che passeranno anche per altre due partite importanti e che Madama non potrà sbagliare, contro il Barcellona in casa e contro l’Olympiakos ad Atene.

Come già sottolineato da Massimiliano Allegri in conferenza stampa prima di Milan-Juventus, il match contro lo Sporting Lisbona vale una stagione, o almeno vale il centrare il primo obiettivo pianificato dalla società prima che iniziasse la stagione agonistica. Battere lo Sporting Lisbona non sarà facile come si è visto all’andata quando la Juve è andata in difficoltà a causa del furore agonistico dei portoghesi capaci di creare pericolosi grattacapi alla difesa bianconera, ma sembra che la squadra di Allegri si sia ritrovata, almeno a livello di forma e le ultime tre partite di campionato testimoniano un avanzamento dello stato fisico e questa sera i progressi dimostrati da Gonzalo Higuain e compagni dovranno essere messi in mostra anche in una sfida decisiva, per mettere a tacere tutte le voci che descrivevano un Pipita mai decisivo nei match che contano. Anche Dybala dovrà dimostrare il reale valore del cartellino dato che spesso in Champions League la Joya è apparsa evanescente.

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

Massimiliano Allegri ha parlato alla vigilia del primo match di ritorno di Champions League“Contro lo Sporting sarà una partita tosta che ha messo in difficoltà il Barcellona e una vittoria a Lisbona chiuderebbe di fatto il discorso qualificazione, mentre un pareggio ci farebbe comunque andare avanti. Io cercherò di fare meno danni possibili, ma sono i ragazzi che scendono in campo e vincono le partite, facendomi divertire. Vorrei regalare una vittoria ai tifosi e per farlo dovremo scendere in campo con umiltà, attenzione e gestione della gara cercando di interpretare le varie fasi al meglio. In difesa a destra giocheranno o Cuadrado, o De Sciglio o Sturaro, mentre Barzagli difficilmente scenderà in campo. Se giocherà Cuadrado c’è una possibilità che ci sia Bernardeschi o Mandzukic a destra e Douglas Costa a sinistra e potrei anche schierare un 4-3-3 con Dybala che si traveste da mezz’ala. Mandzukic è un giocatore eclettico che può giocare bene in tanti ruoli. E’ un bravo ragazzo, ma un po’ burbero a volte.”

La Juventus passerebbe il turno matematicamente in caso di vittoria a Lisbona e di contemporanea vittoria del Barcellona sull’Olympiakos, cosa tutt’altro che impossibile.  Sporting Lisbona-Juventus è una sfida inedita in Portogallo ma non è la prima volta che i bianconeri si trovano nella capitale lusitana. L’ultimo confronto in terra portoghese risale al 2014 in una semifinale di Europa League amara contro il Benfica, dato che i padroni di casa si sono imposti 2-1, estromettendo di fatto la formazione allora allenata da Antonio Conte. La prima volta in assoluto della Juve in Portogallo è datata 1966 nella ormai antica Coppa delle Fiere contro il Vitoria Setúbal, match terminato 0-2 per gli ospiti.

  •   
  •  
  •  
  •