Italia: le pagelle della Nazionale contro l’Albania

Pubblicato il autore: Federico Burzotta Segui

Le pagelle della Nazionale
Le pagelle della Nazionale – L’Italia supera di misura l’Albania con una rete pesantissima di Candreva nel secondo tempo. Gli Azzurri con questa vittoria sono certi di essere inseriti nell’urna delle teste di serie per i playoff, ricordiamo che il sorteggio avverrà il prossimo 17 ottobre a Zurigo, ma andiamo ad analizzare nel dettaglio la prestazione della Nazionale.

Le pagelle della Nazionale: Chiellini garanzia

Gianluigi Buffon voto 6 – Stranamente impreciso in tre circostanze ma si riscatta con una parata “alla Buffon” su un tocco di Zappacosta che aveva deviato il destro da fuori di Memushaj. Anima da capitano.

Matteo Darmian voto 5,5 – La catena di destra con Candreva è uno dei punti forti della nostra Nazionale. Il terzino del Manchester United parte bene ma si perde con il passare dei minuti e lascia il campo nel secondo tempo. Dal 60′ David Zappacosta voto 5,5 – Entra e si limita al compitino senza impressionare.

Leonardo Bonucci voto 6 – Vive un momento difficile e lo si capisce dal fatto che non gioca con la tranquillità di un tempo. Nel finale però salva tutto in spaccata su una conclusione a botta sicura di Hysaj.

Giorgio Chiellini voto 6,5 – Il migliore della retroguardia azzurra. È una certezza sulle palle alte, tappa i buchi lasciati scoperti da Bonucci. Baluardo.

Leonardo Spinazzola voto 6,5 – Mezzo punto in più per l’azione che porta al gol di Candreva: sale sulla fascia e crossa in area un cioccolatino per l’esterno dell’Inter.

Le pagelle della Nazionale: Candreva segna

Antonio Candreva voto 6 – Segna un gol pesantissimo (ottimo controllo e destro al volo sotto l’incrocio) ma fin lì era stato completamente annullato dalla difesa albanese. Audace e fortunato.

Marco Parolo voto 5,5 – Primo tempo da dimenticare. Nel centrocampo a due fatica tantissimo non riuscendo a trovare la posizione giusta e a risentirne è la manovra azzurra. Meglio nella ripresa quando prende fiducia ma questo modulo non privilegia i suoi inserimenti provvidenziali.

Roberto Gagliardini voto 6 – Passo in avanti rispetto alla prova opaca con la Macedonia. Cresce con il passare dei minuti e gioca il secondo tempo con grande personalità. Molto bene in fase d’ interdizione, recupera tanti palloni e fa ripartire l’azione dell’Italia, però deve osare di più in fase di costruzione del gioco.

Lorenzo Insigne voto 5,5 – In Nazionale c’è il fratello gemello di quello che gioca nel Napoli. Prova ad accendersi ogni tanto ma non incide mai. È spesso fuori dal gioco ed è un peccato perché è uno dei giocatori della Nazionale dotato di maggior talento. Deve esplodere. Dal 93′ Stephan El Shaarawy S.V.

Éder voto 5,5 – Corsa, energia e sacrificio. Le doti del folletto nerazzurro le conosciamo bene (e il ricordo di Euro 2016 è ancora ben impresso) ma sicuramente non gli si può chiedere di più. Certamente non può essere titolare dell’attacco se Ventura continuerà ad insistere su questo modulo. Dal 87′ Manolo Gabbiadini S.V

Ciro Immobile voto 5,5 – Per lui vale lo stesso discorso dell’amico Insigne. Lotta, corre su tutto il fronte d’attacco ma conclude in porta soltanto tre volte senza riuscire a buttarla dentro. C’aspettiamo di più dal miglior realizzatore italiano della Serie A: che l’aria di Coverciano non gli faccia bene?

  •   
  •  
  •  
  •