Marsura, il Cristiano Ronaldo del Venezia. Quaresma vola con il Besiktas

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
marsura

Marsura, il pupillo di Inzaghi sogna Cristiano Ronaldo

Marsura, il pupillo di Inzaghi che piaceva a Ferguson. “Quando avevo sedici anni il braccio destro di Ferguson – David Williams – è venuto a parlarmi. La tentazione c’è stata. Soprattutto a livello economico. Poi però ho fatto una scelta professionale, di vita”, quella di restare in Italia. Davide Marsura, scuola Udinese, oggi è una delle pedine fondamentali del Venezia di Pippo Inzaghi. Attaccante- seconda punta-ala, Marsura è un giocatore moderno che può adattarsi in più ruoli dell’attacco. 187 cm, destro di piede, tecnica e velocità al servizio del Venezia. Inzaghi lo martella sempre dalla panchina, segno che l’ex attaccante del Milan crede molto in questo ragazzo. In questa stagione Marsura ha già segnato due reti, ma lui non vive per il gol come faceva il suo allenatore. Il suo idolo è Cristiano Ronaldo, giocatore a cui assomiglia anche fisicamente.

Leggi anche:  Quanto bello è l'Hellas Verona, sorpresa del campionato

L’Udinese è ancora proprietaria del suo cartellino e potrebbe tornare ad essere il suo futuro:“Ho avuto la fortuna di allenarmi con Alexis Sanchez, un vero fenomeno. Di Natale? Ho fatto qualche panchina in prima squadra però Totò non è un tipo che ti dà grande confidenza. Ci tiene ai ragazzi giovani, ma resta molto sulle sue”. Marsura al Venezia ha ritrovato Domizzi:”Siamo tornati ad essere compagni di squadra. Ad inizio stagione Mauro si ricordava benissimo di me, è sempre stata una bravissima persona, mi ha dato molti consigli al tempo e continua a darmene oggi”. Inzaghi, Domizzi, a Marsura non mancano certo buoni maestri. A giugno 2018 scadrà il suo prestito al Venezia, poi riscatto dei lagunari o ritorno all’Udinese. Marsura intanto pensa a far bene sotto il martello Inzaghi, il tempo è tutto dalla sua parte.

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

Marsura sogna Manchester. Quaresma è tornato grande in Turchia

Tornare grandi a 34 anni. Ricardo Quaresma si sta godendo la sua giovinezza al Besiktas. La squadra turca, grazie anche al portoghese, è prima a punteggio pieno nel proprio girone di Champions League. Tra i protagonisti del miracolo turco c’è anche lui, l’ex mister Trivela. Quaresma arriva in Italia ad agosto 2008, fortemente voluto da Mourinho. L’Inter sborsa quasi 30 milioni di euro per strapparlo al Porto. In Italia però le cose non vanno come dovrebbero. Progressivamente Quaresma gioca sempre meno, tanto che dopo due stagioni lascia Milano. Besiktas. Al Ahli e ritorno al Porto, queste le tappe del post Inter di Quaresma.

Nel 2015 l’ex interista torna al Besiktas. Qui comincia la seconda giovinezza di Ricardo da Vila Nova de Farmalicao. Nella stagione 2015-2016 i bianconeri di Istanbul vincono il campionato. Insieme a Quaresma ci sono altri ex della serie A, come José Sosa e Mario Gomez. Grazie a questi risultati Quaresma riconquista la nazionale, guadagnandosi la partecipazione a Euro 2016. In Francia Quaresma segna il gol della vittoria contro la Croazia nei quarti di finale. Il Portogallo vince addirittura l’Europeo, in finale contro i galletti padroni di casa. Quaresma gioca la finale entrando al posto di sua maestà Cristiano Ronaldo. Nella passata stagione il Besiktas vince ancora il campionato e in questa ha già un piede negli ottavi di Champions League. Quaresma se la gode. A 34 anni si può rinascere dalle ceneri della Trivela, boa sorte Ricardo.

  •   
  •  
  •  
  •