Mertens gol in 0.68 secondi in Genoa-Napoli (Video)

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui


Che Mertens sia un grande attaccante ormai lo abbiamo scoperto da due anni. Quest’anno però, oltre ai soliti gol semplici ma decisivi e alle solite prestazioni da fenomeno, ha aggiunto anche gol spettacolari.
Un esempio il gol contro la Lazio per cui lo hanno anche paragonato a Maradona (e quando si paragona qualcuno a Maradona a Napoli c’è sempre da stare attenti). Ieri l’ultima perla del belga: un gol in 0.68 secondi nel 2-3 rifilato al Genoa a Marassi. Un “semplice” gesto che in sè racchiude tutto: contromovimento, velocità, stop orientato, tiro con il piede debole, precisione, potenza. Tutto questo in 0.68 secondi. 0.68 secondi!

Fissatevi bene questo dato, e proviamo a scomporre il gol di Mertens in tutte le sue parti. Partiamo dal suo movimento: in linea con la difesa, vicino al suo marcatore, il belga effettua un movimento a mezzaluna per staccarsi dall’uomo e allo stesso tempo evitare di finire in fuorigioco.
Pallone che scende dall’alto con il belga che si trova in posizione defilata: giustamente stoppa il pallone con il piede più vicino alla porta in modo orientato per calciare con l’altro, così da essere meglio coordinato con il corpo e per imprimere potenza e direzione in maniera migliore al pallone.

Leggi anche:  Napoli, Lozano fa la storia: gol più veloce nella storia degli Azzurri

Lo stop (il suo stop) è un gesto che solo i fenomeni sanno fare e c’è poco da spiegare.
Senso della posizione: sa dove si trova senza guardare il portiere e la porta: questa è una caratteristica naturale, devi avercela. Poi puoi lavorarci per migliorare, ma se non ce l’hai già installata di base nel tuo sistema è inutile.
Il tiro con il sinistro (piede debole!) è fantastico: potente e preciso senza dare tregua al portiere, nell’unico posto dove il portiere non può arrivare.
E poi Mertens puoi esultare, perché hai realizzato un capolavoro in 0.68 secondi.
Fate vedere questo gol nelle scuole calcio, perché c’è tutto ciò che bisogna insegnare ai ragazzi per diventare dei buon attaccanti.

 

  •   
  •  
  •  
  •