Milan, Fassone che stoccata a Montella: “Servono risultati non solo bel gioco”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Fassone

Fassone avverte Montella

Milan, Fassone mette pressione a Montella. Settimana decisiva in casa rossonera. Vincenzo Montella è ad un bivio: o vince con Aek Atene e Sassuolo oppure sono dolori. La società è stata sempre al fianco del tecnico, fino ad ora, ma negli ultimi tempi si legge un’insofferenza crescente. Prima era stato il diesse Mirabelli a lanciare qualche stoccatina a Montella, ora è toccato a cFassone. L’amministratore delegato rossonero è stato chiaro:”Non basta giocare bene, servono i risultati perché la gente vuole vincere”. Parole chiare, senza possibilità di errore. Il Milan deve tornare a vincere, in fretta. Da giovedì in poi comincia un lungo ciclo di partite alla portata dei rossoneri. Tolta la trasferta di Napoli, fino al 30 dicembre non ci sono più scontri diretti. Una vittoria ad Atene metterebbe al sicuro la qualificazione ai sedicesimi di Europa League, permettendo alla truppa di Montella di concentrarsi sul campionato. Fassone è stato chiaro, ora tocca a mister e giocatori rispondere sul campo. Altro segnale di vicinanza della proprietà è la costante presenza di Han Li. Il braccio destro di Yonghong Li è onnipresente in questi giorni e ha un rapporto quasi quotidiano con il Milan. 

Leggi anche:  Cagliari, si riparte da Di Francesco

La società crede nel lavoro del suo allenatore, ma è chiaro che senza risultati tutti sono in discussione. 12 punti di distanza dalla zona Champions League sono decisamente troppi, anche per chi ha cambiato tanto con il Milan. Troppe sconfitte negli scontri diretti, giocatori fuori forma e poca cattiveria in campo. Tutte accuse che i rossoneri dovranno smentire in fretta, a partire da questa delicata settimana. Si comincia giovedì in Europa League ad Atene, poi A Reggio Emilia contro il Sassuolo. Il Milan è davanti ad un bivio, Montella sceglierà la retta via?

Milan, Fassone vuole le vittorie. Bonucci in soccorso di Montella

Vincere, anche giocando maluccio. Questo il diktat societario di Fassone-Mirabelli per Montella. Già a partire dalla trasferta europea di Atene. In soccorso del tecnico rossonero arriva Leonardo Bonucci. Il capitano rossonero torna disponibile dopo la squalifica in campionato scontata contro Chievo e Juventus. Bonucci è uno degli uomini più discussi in questa travagliata stagione rossonera. Così come Biglia, che molto probabilmente riposerà in Europa League. L’argentino è uscito fischiato contro la Juventus, un po’ di riposo non gli farà certo male. Niente da fare per Bonaventura, l’ex atalantino tornerà dopo la sosta.

Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021

Contro l’Aek Atene si potranno rivedere tanti elementi del vecchio Milan: come Locatelli, Montolivo e Antonelli. In attacco probabile una chance per André Silva. Il portoghese, bomber di coppa, viene utilizzato con contagocce da Montella in campionato che gli preferisce Kalinic. Anche il croato è stato sonoramente fischiato contro la Juventus. Tempi duri per i “nuovi”rossoneri che tanto avevano fatto sognare i tifosi milanisti in estate. Vecchi o nuovi, cambia poco il Milan deve ricominciare a vincere, subito. Atene, in particolare lo stadio dell’Aek, è stato sempre un portafortuna per i rossoneri. Montella spera che anche stavolta la Grecia porti bene ai milanisti, in periodi di crisi ci si attacca a tutto per risollevarsi.

  •   
  •  
  •  
  •