Milan-Juventus, sugli spalti anticipo di…Halloween

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Milan-Juventus, sugli spalti anticipo di…Halloween

È da poco terminato il big match di campionato tra MilanJuventus, valevole per l’undicesima giornata della Serie A Tim. Il risultato sorride ai bianconeri, che hanno vinto due zero. La squadra di mister Allegri è passata in vantaggio con Higuain al 23° minuto, su assist di Dybala. Lo stesso attaccante ex Napoli ha chiuso la contesa al 63° minuto, su assist di Asamoah, siglando di fatto una doppietta.

Una partita che, dati alla mano, ha avuto un grandissimo seguito: sono stati oltre 730 milioni di spettatori che hanno seguito l’incontro, alternandosi tra le piattaforme tv satellitari e digitali terrestri, nonché tutto esaurito allo stadio “Giuseppe Meazza”.

Ed è proprio all’interno dello stadio che va in scena lo spettacolo più bello, fatto di cori, colori e bandiere. I tifosi di entrambe le squadre hanno voluto strafare e con striscioni e cartelloni hanno dato sfogo alla loro fantasia. Infatti, come riporta la Gazzetta dello Sport sul proprio sito web, sono numerosi gli striscioni e le gigantografie mostrate dagli spalti, che sembrano festeggiare in anticipo la festa di Halloween, una festività di origine celtica, che è entrata nella storia e nelle tradizioni della società anglosassone.

Leggi anche:  Probabili formazioni Fiorentina Crotone: ecco le scelte di Prandelli e Stroppa

Una prima foto riporta una grande zucca, simbolo di Halloween per eccellenza, con al di sotto una serie di lapidi, riportanti gli anni in cui la Juventus ha perso le finali di Champions, l’ultima in ordine di tempo quella di Cardiff del 2017. Tra queste capeggia al centro la lapide del 2003, l’anno in cui la Juventus perse la finale di Champions proprio contro il Milan in quel di Manchester. Un grande striscione fa da didascalia alla gigantografia, con scritto “La coppa, il sogno e il grande incubo“.

Ma gli sfottò non terminano: sempre i tifosi rossoneri, in Curva Sud, espongono lo striscione “Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta“, proprio per rendere più sarcastica la coreografia. E lo fanno rimembrando una delle citazioni dell’ex calciatore bianconero Giampiero Boniperti, ormai diventata la frase simbolo della società bianconera.

Leggi anche:  Supercoppa, Juventus-Napoli 2-0: proteste Napoli sull'1-0 e rigore concesso con il Var. Ecco la Moviola

In definitiva, una giusta dose di allegoria che va a cancellare lo scempio degli episodi verificatosi negli ultimi giorni sugli spalti degli stadi italiani e che hanno fatto decisamente discutere.

  •   
  •  
  •  
  •