Milan, Montella ha le ore contate? Le dichiarazioni post Milan-Juventus non sono piaciute alla dirigenza

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


Ennesima sconfitta. La quinta in questo campionato. Il Milan esce con le ossa rotte dal match di San Siro contro la Juventus. Uno 0-2 che pesa per la squadra di Montella che adesso potrebbe avere le ore contate. La dirigenza, che lo ha sempre sostenuto, sembra aver dato l’ultimatum al tecnico rossonero.

Milan-Montella, il faccia a faccia con Fassone e Mirabelli

Nel post partita di Milan-Juventus,  negli spogliatoi di San Siro, il duro confronto tra la dirigenza rossonera e Montella sembra aver portato ad un ultimatum: fare punti nelle prossime sfide, compresa la dura partita contro il Napoli. Se Montella dovesse fallire l’appuntamento con i tre punti nelle partite contro Sassuolo, Torino, Benevento, Bologna e Verona qualcosa potrebbe cambiare e a farne le spese sarebbe appunto il tecnico. Una fiducia a tempo determinato dunque. Non sono ammessi altri errori.

Leggi anche:  Inter cooperativa del goal: ogni reparto dà il contributo

Milan-Montella, le dichiarazioni post partita non gradite alla società

Non bastassero gli ultimi risultati, a mettere ulteriore benzina sul fuoco è lo stesso tecnico rossonero. Durante la conferenza stampa post match, a Montella sfuggono parole quantomeno azzardate per il momento che il Milan e i suoi uomini stanno attraversando. “I top player non vengono, i giocatori da 100 milioni vogliono giocare la Champions League con le squadre forti“, queste le parole che hanno scatenato l’ira della società.

Milan-Montella, il futuro del tecnico

Le prossime partite saranno decisive per il futuro di Montella che al momento non sembra troppo preoccupato ed è speranzoso per i match che verranno: “Mi aspetto di trovare le motivazioni insieme ai ragazzi per vincere le prossime gare, in Europa League e in campionato“.

Leggi anche:  Ilicic, 100 presenze con l'Atalanta. Le sue lezioni hanno scritto la storia

Certo è che il ruolo del tecnico sarà ulteriormente sotto la lente d’ingrandimento. Il Diavolo deve risollevare una classifica che diventa sempre più preoccupante. Da oggi ogni errore potrebbe essere quello fatale

  •   
  •  
  •  
  •