Minaccia Isis Mondiale 2018: in rete un fotomontaggio di Messi con lacrime di sangue

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Minaccia Isis Mondiale 2018, ecco il fotomontaggio di Messi

Nuova minaccia Isis sul Mondiale 2018 che si aprirà il prossimo mese di giugno in Russia. L’ultimo episodio in questione è di oggi e vede “protagonista”, suo malgrado, della propaganda terroristica del sedicente stato islamico il campione del Barcellona e della Nazionale argentina, Lionel Messi. 
Attraverso uno dei suoi organi di propaganda, la Wafa Media Foundation, l’Isis ha infatti messo in Rete un fotomontaggio di Lionel Messi che piange lacrime di sangue dietro alle sbarre.Il giocatore della Nazionale argentina è ritratto con una vestita carceraria con il suo nome ed un numero identificativo. Accanto al fotomontaggio del giocatore una scritta in inglese: ” You are a fighting a state that does not have failure in it’s dictionary ( state combattendo uno stato che non conosce la parola fallimento nel proprio dizionario). Parole queste che rendono ancora più preoccupante il fotomontaggio di quanto già l’immagine di Messi che piange lacrime di sangue non sia di suo.
Il Mondiale di Russia 2018 è per ovvi motivi al centro delle attenzioni di tutti i servizi di intelligence internazionali visto il numero imponente di tifosi che giungeranno da ogni parte del Mondo per tifare la propria Nazionale. Sulla tranquillità dell’evento già in passato avevano cercato di produrre paura una serie di altri avvertimenti.

Leggi anche:  Coppa del Re, dove vedere Cornella Barcellona, streaming e diretta TV in chiaro?

Minaccia Isis Mondiale 2018, gli altri  casi

Su Telegram, l’applicazione di messaggistica istantanea spesso usata dai militanti dello Stato Islamico, circola infatti da tempo l’immagine di un combattente dell’Isis armato di kalashnikov e con accanto una bomba innescata, mentre sullo sfondo si vede chiaramente il profilo della Volgograd Arena, uno degli stadi in cui si giocheranno i match del Mondiale mentre oggi il Sun ha mostrato  anche un secondo poster di propaganda, raffigurante un terrorista armato che osserva il Luzhniki Stadium di Mosca, dove il 15 luglio 2018 si giocherà la finale del Mondiale.

  •   
  •  
  •  
  •