Napoli, preoccupazione per l’infortunio di Insigne, ma Sarri è ottimista

Pubblicato il autore: Peppe Fiorino Segui


Il Napoli torna da Manchester con una sconfitta, una brutta prestazione nel primo tempo, anche se nel secondo ha messo in difficoltà la formazione di Guardiola, e l’infortunio di Lorenzo Insigne, accasciatosi nel secondo tempo per un fastidio all’adduttore per cui ha chiesto la sostituzione al 56′. Un 2-1 che preoccupa la squadra di Sarri, perché lo Shakhtar ha battuto il Fayenoord nell’altra gara del girone, superando i partenopei di 3 punti nel girone e piazzandosi secondi dietro il Manchester City. In più i problemi per gli azzurri riguardano un brutto approccio alla partita subendo le reti di Sterling e del fuoriclasse brasiliano Gabriel Jesus, oltre ad un netto dominio avversario, per non parlare della prova opaca di uno dei maggiori punti di forza della squadra di Sarri, Dries Mertens che ha sbagliato il rigore che avrebbe potuto riaprire prima la gara, il secondo rigore per i partenopei è stato calciato e segnato da Diawara.

Leggi anche:  Auriemma: "Cuadrado guarito dal Covid e migliore in campo contro il Napoli? La sua cura potrebbe salvare la popolazione mondiale" (VIDEO)

Adesso il Napoli comincerà a pensare alla supersfida di Sabato al San Paolo contro la sorprendente Inter di Spalletti in una partita che vale il primato in classifica. Il problema all’adduttore di Insigne preoccupa l’ambiente napoletano, saranno da valutare le sue condizioni per capire se il giocatore sarà in campo o meno contro i nerazzurri. Sarri si è mostrato ottimista nel dopo partita di ieri sera: “Dovrebbe essere un problema all’adduttore, non sappiamo se uno stiramento o una contrattura, ma è stato un dolore progressivo e quindi non dovrebbe essere nulla di grave”, infatti pensano che l’estroso calciatore napoletano si sia fermato in tempo per non peggiorare la situazione. Come riportato da Premium Sport anche lo stesso Insigne ha rilasciato una dichiarazione a riguardo, ma si è mostrato più cauto rispetto al suo allenatore: “Rispetto a quando sono uscito sto meglio, sento meno dolore. Ho accusato un fastidio e mi sono fermato. Se ci sarò contro L’Inter? Non lo so, vediamo come va”.
I tifosi rimangono con il fiato sospeso in vista di una partita importante come quella di sabato che potrebbe perdere uno dei suoi protagonisti. Nella giornata di oggi verranno verificate le sue condizioni e si avranno maggiori indicazioni sull’entità dell’infortunio.

Leggi anche:  Juventus-Napoli, polemiche accese: il rigore di Insigne era da ripetere

In casa Inter sembrano esserci maggiori speranze per una convocazione per Napoli del centrocampista portoghese Joao Mario, che prima del derby di Milano era stato fermato da una tonsillite acuta, per cui Spalletti pensava che non sarebbe stato recuperabile perché imbottito di antibiotici, al punto da dover ricorrere a un’operazione poi scongiurata. Diverso il discorso per l’altro infortunato: Marcelo Brozovic non recupererà per questa partita, probabilmente rientrerà contro il Torino.
I tifosi del Napoli sperano di vedere contro L’Inter la squadra del secondo tempo di Manchester, i nerazzurri sperano di trovare la formazione che ha subito gli attacchi degli uomini di Guardiola nel primo tempo e di fare una prestazione come il secondo tempo della gara con la Roma, ma per lo spettacolo serviranno giocatori forti tecnicamente come Insigne e Joao Mario.

  •   
  •  
  •  
  •