Panchina Milan, in caso di debacle contro il Genoa pronto Gattuso

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Panchina Milan, pronto Gattuso in caso di esonero di Montella

Contro il Genoa Vincenzo Montella si gioca molto del suo futuro sulla panchina Milan. Mentre il tecnico napoletano è ancora in cerca della scintilla che dovrebbe, secondo il suo pensiero,aiutare il Milan ad uscire dalla crisi di questo inizio di stagione in casa rossonera stanno già valutando le possibili soluzioni alternative in caso di ulteriore debacle contro il Genoa.
Il match di questo pomeriggio potrebbe rappresentare l’ultima spiaggia per il tecnico del Milan: in caso di mancato successo contro il Grifone la società rossonera potrebbe decidere di esonerare l’allenatore. A “sostegno” di Montella, a dire il vero, sembra essere la tempistica di questa eventuale scelta in quanto a metà settimana è in programma il turno infrasettimanale e poi sabato prossimo il Milan è atteso dalla supersfida contro la Juventus. Calendario alla mano ci sarebbe troppo poco tempo per destare la squadra attraverso una decisione netta come potrebbe essere quella di un cambio sulla panchina Milan. A meno che non si opti per una soluzione “interna” che non destabilizzi molto l’ambiente rossonero come potrebbe essere invece la scelta di un tecnico “esterno”. Ed è proprio su questa linea di pensiero che la società rossonera sembra si stia muovendo.
In caso di mancata vittoria contro i rossoblù infatti, secondo quanto scrive ‘Il Corriere dello Sport’, la panchina di Vincenzo Montella è destinata a saltartanto che sarebbe già stato preallertato il suo possibile successore. La scelta della società milanista sarebbe ricaduta su Gennaro Gattuso, ex bandiera del Milan ed ex allenatore del Pisa oggi alla guida della Primavera rossonera. Una soluzione interna che sarebbe anche low cost per il Milan rispetto ai profili dei vari Blanc, Luis Enrique e Paulo Sosa, accostati ai rossoneri negli ultimi giorni. La scelta di puntare su Gattuso sarebbe avallata anche dalla posizione dello stesso ex centrocampista che si “accontenterebbe” di rivestire il ruolo di traghettatore fino al prossimo giugno quando il Milan proverà a portare in rossonero l’attuale manager del Chelsea Antonio Conte.

Leggi anche:  Milan, Pioli: “Partita era equilibrata in 11 contro 11. Ibra-Lukaku? Non so cosa si siano detti...”
  •   
  •  
  •  
  •