Sarri: “I criteri dei calendari sono da cambiare. Domani in campo 11 facce da c….”.

Pubblicato il autore: matteo lanzi Segui

E’ un Maurizio Sarri a 360 gradi quello che ha parlato oggi in conferenza stampa, anticipando molti dei temi  della sfida di domani che vedrà il suo Napoli sfidare il Manchester City di Pep Guardiola nella terza giornata della fase a gironi della Champions League.  Due allenatori molto simili nel modo di far giocare le loro squadre: fraseggio stretto, ritmi molto elevati, ossessiva ricerca dello spazio e pressing a tutto campo. Nelle scorse settimane è stato più volte riproposto il dibattito su chi sia, attualmente, il più bravo dei due: un discorso affascinante per molti aspetti, anche se c’è da dire che il palmares parla chiaro (21 trofei per Guardiola, 0 per Sarri). Una sfida nella sfida in questo City-Napoli, che già di per sé è una partita di grande appeal e, sopratutto, di grande importanza in chiave qualificazione agli ottavi. Maurizio Sarri, che nel pomeriggio ha ricevuto i complimenti del collega, il quale, dopo aver definito il calcio del Napoli ” il più bello d’Europa“, ha detto che cambierà il modo di giocare del City “adattandolo a quello del Napoli“, è parso concentrato solo sul match, anche se non ha perso occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe…

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, dove vedere Juventus Napoli: streaming gratis e diretta TV Rai 1?

Calendario, turnover, qualificazione e Guardiola.

Accompagnato dal capitano Marek Hamsik, l’allenatore azzurro ha riservato qualche “stilettata” alla Lega Serie A, al Presidente De Laurentiis e agli addetti ai lavori:”Sabato scorso abbiamo affrontato la Roma e Sabato prossimo giocheremo contro l’Inter: sostenere 3 partite del genere in sette giorni è molto complicato, probabilmente in Lega è stato sbagliato qualche criterio nella formulazione dei calendari. La stessa situazione si ripeterà all’ultima giornata prima di Napoli-Juve. De Laurentiis mi ha chiesto più turnover? Giocherà chi starà meglio, in questa fase della stagione è possibile anche fare 3 partite attaccate, non faccio calcoli. E’ la partita più importante in chiave qualificazione? Al contrario, è la partita meno importante per quanto riguarda quel discorso. Il City è nettamente superiore a tutte le altre squadre del girone E e strappargli dei punti sarebbe fantastico, ma noi dobbiamo fare il nostro percorso basandoci sugli altri team e cercando di batterli“. Sarri continua ringraziando Guardiola per le belle parole spese:” Quando un allenatore come lui ti fa i complimenti posso solo ringraziare. E’ il miglior tecnico del mondo e ha rivoluzionato il gioco del calcio, come fece Sacchi 30 anni fa. Tra qualche anno tutti capiranno l’importanza capitale che ha avuto Guardiola riguardo il modo di intendere questo sport”.

Napoli-Nizza
“Voglio 11 facce da c….”

Leggi anche:  Udinese-Atalanta probabili formazioni: Muriel al fianco di Zapata in attacco?

Il tecnico partenopeo ha continuato parlando poi dell’approccio mentale che dovrà avere domani la sua squadra:” Bisogna fare un passo in avanti a livello mentale. Non bisogna accontentarsi di esserci, ma si deve pensare a fare bella figura e a dare il massimo, ancor di più di quanto già facciamo in campionato, visto che la Champions League è la competizione più difficile in assoluto. Cambiare qualcosa? Assolutamente no. Quando incontri certe squadre il discorso tattico è relativo: se bastasse cambiare qualcosa a livello di messa in campo dei giocatori per battere certi top team, essi non esisterebbero. Io domani vorrei vedere 11 facce da c…., convinte di andare lì e poter imporre il proprio gioco al Manchester City, ma per fare ciò serve una grande forza mentale, cosa non da tutti”.

Leggi anche:  Ziliani critica Abisso: "Ci sono arbitri che sembrano non conoscere il gioco del calcio. Se dai il rigore a Ibra..."
  •   
  •  
  •  
  •