Serie A, Top&Flop della decima giornata di campionato

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui

Turno infrasettimanale di Serie A, con tutte e venti le squadre in campo. Bene (ancora) l’Inter, così come Suso che rialza il Milan. Male il Torino di Mihajlovic e il Sassuolo di Bucchi.

TOP DECIMO TURNO DI SERIE A

MERTENS- Dopo le critiche arrivate per i tanti gol sbagliati contro Manchester City e Inter, il belga nel match di Genova si prende la scena. Due gol bellissimi e un’autorete procurata per abbattere la resistenza di un Genoa mai domo. Sentenza.

SPALLETTI- C’è poco da girarci attorno: se l’Inter è tornata a competere per lo scudetto è merito del suo nuovo allenatore, capace di risollevare il morale di una squadra che veniva dall’ennesima stagione fallimentare. Contro la Sampdoria, a San Siro si assiste ai migliori 60 minuti dei nerazzurri in questa stagione:  tre gol, tre pali, bel gioco e una situazione di assoluto controllo. Poi? Beh, poi il crollo finale che mette a nudo i limiti mentali di una rosa che ancora deve crescere.

Leggi anche:  Milik al Marsiglia: affare fatto, partenza alle 10.30 e visite mediche

SUSO- La splendida prestazione dell’ex Liverpool contro il Chievo salva la panchina di Montella. Nel match del Bentegodi, lo spagnolo disegna calcio, segnando una rete fantastica e servendo assist ai compagni. Punti pesanti, che fanno ben sperare in vista dello scontro di San Siro contro la Juventus.

LAZIO- Nonostante la polemica derivata dalla stupidità di alcuni tifosi laziali, la squadra in campo fa sognare. 2 a 1 a Bologna e ottava vittoria in dieci gare. Miglior inizio di sempre per la squadra di Simone Inzaghi, che ora ha la possibilità di incrementare questo score contro Benevento e Udinese per arrivare, poi, al derby nel migliore dei modi. E poco importa se Immobile vive una serata “no”, colpendo tre pali e sbagliando un rigore.

BERNARDESCHI E DYBALA- Nella vittoria per 4 a 1 contro la Spal, all’Allianz Stadium si assiste a un vero e proprio show dei ragazzi di mister Allegri. In particolare, da segnalare le prodezze di Federico Bernardeschi e di quel Dybala che torna a segnare dopo oltre un mese.

FLOP DECIMO TURNO DI SERIE A

Leggi anche:  Supercoppa, Juventus-Napoli 2-0: proteste Napoli sull'1-0 e rigore concesso con il Var. Ecco la Moviola

BENEVENTO– Ormai, delle Streghe, non si sa più cosa dire. Decima sconfitta in campionato, tre gol fatti e ventiquattro subiti è una salvezza che già sembra utopia. E dire che, a Cagliari, la squadra del neo allenatore De Zerbi riesce a pareggiare al 94′ con un rigore di Iemmello. Ma a poco serve, se nel minuto che manca riesci a subire il gol del 2 a 1. Poca fortuna, ma anche tanta, tanta, tanta disattenzione.

BARRECA- Peggior rientro, per il terzino granata, non poteva esserci. Contro la Fiorentina, al Franchi, il 23 di Mihajlovic stende Veretout e concede il rigore che chiude la patita. Andrà meglio la prossima volta?

BORRIELLO- Dov’è finito l’attaccante che l’anno scorso, a Cagliari, segnava anche da bendato? La Spal credeva di aver trovato la risposta alle tante incertezze della massima serie, ma sembra che il bomber ex Roma e Milan non si sia pienamente ambientato a Ferrara. Sarà meglio che si riscatti già dal prossimo turno; la Spal ha un bisogno disperato dei suoi gol.

Leggi anche:  Fiorentina, 6 riflessioni in un mercato estivo

BUCCHI- Ormai non ci sono più speranze di rivedere il Sassuolo che fece sognare i propri tifosi con Di Francesco. La squadra di Bucchi, con soli due punti di vantaggio sulla terz’ultima, viaggia in torbide acque e sembra aver smarrito ogni certezza delle passate stagioni. Berardi non segna più, la difesa viene spesso perforata e le idee, in panchina, sembrano mancare. Che sia arrivato il momento di cambiare qualcosa?

VAR- Quantomeno singolare ciò che accade in Roma-Crotone, con i giallorossi che vincono grazie a un rigore (dubbio) concesso per fallo di Mandragora su Kolarov e i calabresi a protestar per un intervento di Fazio su Budimir al 70′, con il contatto che sembra esserci. Non il miglior spot per l’utilizzo del VAR.

  •   
  •  
  •  
  •