Serie A, Top&Flop della ottava giornata di campionato

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui


Come ogni lunedì, ecco l’appuntamento con la rubrica “Top&Flop” per analizzare i migliori e i peggiori del turno di campionato. Icardi fa il fenomeno, Immobile sentenzia la Juventus. Bianconeri traditi da Dybala, mentre il Milan di Montella va a picco.

TOP OTTAVA GIORNATA DI SERIE A

ICARDI-
Una triplette in un derby, a Milano, non si vedeva dal 2012, quando i tre gol di Milito e il sigillo di Maicon abbatterono il Milan. La serata del 9 nerazzurro è perfetta, con due gol da attaccante puro e un rigore trasformato al novantesimo che deve essere pesato non poco. L’argentino si porta a casa il pallone, mentre Spalletti si coccola il suo bomber, con la consapevolezza che sabato, a Napoli, l’Inter giocherà senza aver nulla da perdere.

IMMOBILE- Nella vittoria della Lazio all’Allianz Stadium un ruolo fondamentale lo ha giocato l’attaccante proprio ex Juve. Due gol storici, che riportano la Lazio a trionfare a Torino dopo ben tredici anni. Il bomber partenopeo, arrivato a quota 15 gol stagionali, al momento è il giocatore più prolifico d’Europa. Con un attaccante così, i tifosi biancocelesti sono autorizzati a sognare.

Leggi anche:  Dove vedere Torino-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

NAPOLI- Gli uomini di Sarri vincono ancora, e lo fanno in un campo decisamente complicato. Lo 0 a 1 di Roma, contro una diretta concorrente, rappresenta l’ennesima conferma che per questa squadra sia arrivato il momento giusto per andare a vincere. Due punti di vantaggio sull’Inter, tre sulla Juventus. E ora, al San Paolo, arrivano proprio i nerazzurri. In caso di vittoria, sarebbe fuga.

THEREAU- Nel match delle 12.30, la Fiorentina trova un’importante successo per 2 a 1 sull’Udinese. A segno, per la Viola, Cyril Thereau, con una doppietta per la più classica vendetta da ex. Ceduto dai friulani negli ultimi giorni di mercato, per soli due milioni, il francese si conferma uno dei più costanti attaccanti d’Italia.

PALACIO- Il Bologna vince il derby contro la Spal e uno dei migliori in campo è, ancora, Rodrigo Palacio. Dopo la sfortunata ultima stagione all’Inter, l’argentino a Bologna sta vivendo una seconda giovinezza, in una squadra che funziona e che sta dando tante soddisfazioni ai propri tifosi. Difficile pensare più in grande di così, ma l’Europa è lì a un punto e, dopotutto, sognare non costa nulla.

Leggi anche:  Calciomercato Torino, il punto a 6 giorni dal termine

FLOP OTTAVA GIORNATA DI SERIE A

MONTELLA- Alla fine è sfortunato a perdere un derby a causa di un rigore al novantesimo, ma la sensazione è che la partita, l’allenatore campano, l’avesse preparata malissimo. Sin dall’inizio troppo arretrato, il suo Milan concede un tempo agli avversari. Meglio la ripresa, anche se questo 3-5-2 non sembra proprio essere il modulo giusto per i rossoneri.

DYBALA- Prima giornata da “Flop” per la Joya bianconera, che contro la Lazio spreca un altro rigore a tempo scaduto, condannando i suoi alla prima sconfitta interna da oltre un anno. In realtà, va detto come l’ingresso di Dybala abbia svegliato la Juventus, rendendola più pericolosa (si veda il palo clamoroso colpito dal 10 bianconero). Troppo pesante, però, il secondo rigore decisivo sbagliato in pochi giorni. Mancanza di carattere nel momento della verità?

RODRIGUEZ- E’ vero, il Milan ha perso il derby e per un tempo non è sceso in campo. Ma se il terzino ex Wolfsburg non avesse “cinturato” D’ambrosio, staremmo parlando di un altro risultato. Un errore, quello di Ricardo Rodriguez, che costa caro al Milan, arrivato inoltre dopo una prestazione altamente insufficiente. Se questo giocatore doveva essere la soluzione ai problemi rossoneri sulla fascia sinistra, allora non ci siamo.

CAGLIARI- Dopo una buona partenza in campionato, gli uomini di Rastelli sono entrati in una crisi che sembra non finire più. Quarto ko di fila e +1 sulla zona retrocessione, con Pavoletti e compagni che vengono sconfitti in casa da un Genoa al primo successo stagionale. Male, soprattutto se si pensa che domenica c’è la Lazio. Rastelli a rischio esonero?

Leggi anche:  Juve Stabia Casertana 0-2: Turchetta e Castaldo gol, Vespe ko al Menti

CROTONE- Intendendo con questo non la squadra, che comunque si fa rimontare a tempo scaduto dal Torino in una partita che andava vinta, ma il pubblico. Parte dei tifosi della squadra calabrese, infatti, ha più vote intonato cori razzisti all’indirizzo del tecnico granata Mihajlovic. Ecco, che nel 2017 succedano ancora queste cose è una vergogna.

  •   
  •  
  •  
  •