Classifica Serie B, Perugia, Frosinone, Palermo e Avellino in testa a 13 punti. Settima giornata di rimonte clamorose

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

Il pallone della Serie B

Classifica di Serie B molto corta con 4 squadre in cima alla classifica dopo i risultati di ieri pomeriggio, aspettando il monday night tra Frosinone e Cremonese. Si tratta di Perugia, Frosinone stesso, Palermo e Avellino. E’ stata la giornata delle rimonte, con soprattutto, la più eclatante, quella dell’Avellino sull’Empoli: ospiti in vantaggio 0-2 con Donnarumma e Zajc, poi la rimonta dei campani ed il risultato finale è uno spettacolare 3-2 firmato da Kresic, Castaldo e D’Angelo. I punti in classifica sono 13, così come il Perugia capolista che è andato in vantaggio contro il Brescia grazie al sesto gol in campionato del coreano Han. Poi nel secondo tempo si scatena Caracciolo ed il Brescia rimonta lo svantaggio iniziale e sale così a quota 9 punti, con una partita da recuperare, martedì contro la Ternana rinviata per maltempo nello scorso settembre. Seconda battuta d’arresto per i Grifoni dopo lo stop di due settimane fa contro il Palermo. Proprio i siciliani conquistano un punticino prezioso ad Ascoli, 0-0 il risultato finale, e sfruttando il turno sfavorevole Empoli e Carpi, oltre che alle già citate prime della classe, tralasciando il Frosinone che ancora deve scendere in campo, si portano anch’essi in cima alla classifica.
Il Carpi scivola nuovamente in casa contro il Pescara di Zeman e rimedia la seconda sconfitta in 7 gare. Si può parlare di crisi se si considera che gli emiliani non vincono ormai da quasi un mese (ultimo successo il 9 settembre contro la Salernitana), rimanendo bloccati a quota 11 punti insieme all’Empoli. Torna alla vittoria il Pescara dopo 4 pareggi consecutivi, ma il fatto curioso è che Zeman è riuscito nell’impresa di segnare solamente una rete in due partite e ciò non accadeva alle squadre del boemo da molto tempo, considerando anche che era dai tempi in cui allenava la Roma che non subiva gol per due partite consecutive, stagione 2012/2013.

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

Altra grande rimonta è quella del Venezia di Pippo Inzaghi che a Terni passa subito in vantaggio con Zigoni dopo 2′ e poi si fa rimontare. Con fortuna e caparbietà i lagunari riescono nel controsorpasso ed i 3 punti vengono conquistati dal Venezia, che così sale a quota 10 come il Cittadella, sconfitto al “Tombolato” 1-0 dall’Entella, grazie alla rete messa a segno su rigore da Troiano allo scadere del primo tempo. A 10 punti sale anche il Parma che nell’anticipo di venerdì sera che ha aperto il settimo turno di Serie B, va in vantaggio 2-0 sulla Salernitana. In 9 contro 11 gli emiliani si fanno rimontare e le reti di Sprocati prima e di Vitale su rigore spengono le velleità biancoscudate. In questo modo il tecnico della Salernitana Bollini guadagna 1 punto ed allontana momentaneamente il rischio esonero.
Anche lo Spezia raggiunge la doppia cifra grazie al successo ottenuto in casa contro il Bari di Fabio Grosso, sconfitto dopo 2 vittorie consecutive che avevano fatto ben sperare i galletti. Bari unica squadra ancora senza pareggi: 3 vittorie e 4 sconfitte, fermo a quota 9 insieme a Brescia e Virtus Entella, mentre a 8 punti la Cremonese a braccetto con la Salernitana.
Un’altra grande rimonta è quella compiuta dalla Pro Vercelli: 5-2 il risultato finale contro il Cesena che ha esonerato l’allenatore Camplone. Emiliani in vantaggio 1-2, poi salgono in cattedra i 7 volte scudettati della Pro e travolgono il Cesena, agganciando così la Ternana a 5 punti.
Chiude la graduatoria lo stesso Cesena, che come già detto ha esonerato il tecnico Camplone, contattando subito il possibile sostituto, individuando in Fabrizio Castori la figura migliore per l’incarico di risollevare gli emiliani.
Nella giornata di domenica è andata in scena anche Foggia-Novara ed il risultato finale è 2-2. Di certo il pubblico accorso allo stadio Zaccheria si è divertito molto, in una partita con tanti sali e scendi aperta dalla rete del Novara, andato in vantaggio grazie ad una magia di Moscati nel corso del primo tempo ribadita poi dal pari firmato dal rigore messo a segno da Mazzeo. Nel secondo tempo i rossoneri di Stroppa passano in vantaggio con il gol siglato da Fedato e sul finale di gara Dickmann, alla sua prima presenza stagionale, realizza la rete del pari. La classifica delle due squadre momentaneamente è deficitaria per quanto riguarda i risultati ottenuti sul campo: 7 i punti conquistati dalle due compagini a pari punti insieme all’Ascoli.

Leggi anche:  Dove vedere Torino-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

Il miglior attacco fino a questo momento lo hanno Perugia, Avellino e Pescara, con 15 reti messe a segno, mentre la miglior difesa in quanto a gol subiti la detiene il Venezia (4). Il peggior reparto offensivo, statistiche alla mano, è quello dello Spezia con sole 4 reti siglate, mentre il peggior reparto difensivo è quello del Foggia con ben 17 gol subiti solamente in 7 giornate.
Questi i risultati della settima giornata del campionato di Serie B 2017/2018, dove ancora una volta regna l’equilibrio più totale rendendo la serie cadetta uno dei campionati più belli in assoluto. Spesso accade che la Serie B si decida nelle ultime giornate sia per quanto riguarda la zona promozione sia per le posizioni calde che potrebbero essere pericolose, in riferimento ad una possibile retrocessione in Serie C. I pronostici al momento sono impossibili, dato che in ogni giornata di campionato regna l’incertezza più assoluta riguardo il risultato finale.

  •   
  •  
  •  
  •