Serie C: l’undicesima di campionato del girone meridionale

Pubblicato il autore: Enzo La Piana Segui

In attesa del posticipo che vedrà impegnata la capolista Lecce contro il Cosenza, l’11^ giornata di Serie C del girone meridionale, dove ha riposato il Matera, ha visto Monopoli e Siracusa conquistare l’intera posta in palio, mettendo in apprensione i pugliesi.

Al Torre di Pagani, il Monopoli ha conquistato la sua quarta vittoria esterna battendo 1-0 gli azzurrostellati, portandosi al secondo posto in classifica.

 Il Siracusa, invece, ha avuto la meglio al De Simone» sulla Virtus Francavilla. Gli aretusei si sono imposti per 1-0 al termine di una partita equilibrata.

Successi pesanti per Trapani e Juve Stabia, che hanno consentito a siciliani e campani di scalare posizioni classifica.

I granata di Calori, hanno espugnato il Ventura di Bisceglie con un 3-0.

Le Vespe invece hanno battuto 1-0 il Rende.

Vittoria importante al Massimino di Catania anche per la Leonzio che ha conquistato l’intera posta nel derby siciliano con l‘Akragas.

Sono terminate sullo 0-0 le gare tra Catanzaro-Fidelis Andria e Fondi-Casertana. Risultato ad occhiali che è andato stretto ai Falchetti di mister D’Angelo.

La Reggina, tra le mura amiche, ha fatto suo il sentitissimo derby contro il Catania che già veniva dalla confitta casalinga con la Sicula Leonzio.

Una notte di grandi emozioni, ha caratterizzato una vittoria storica, dopo tante sofferenze, al termine di una gara avvincente e combattuta, dove la squadra del presidente Praticò, ha conquistato l’intera posta in palio portando l’entusiasmo dei tifosi alle stelle.

Artifici della conquista dei tre punti, l’insuperabile estremo difensore amaranto Cuchietti e Andrea Bianchimano che con una doppietta, intervallata dal gol di Curiale, ha griffato la vittoria per i padroni di casa.

Il merito della prestazione sopra le righe di tutta la squadra, va a mister Maurizi, per la sua sagacia tattica e per aver saputo motivare adeguatamente il suo undici.

Male, invece, gli etnei, che nella prima frazione hanno sprecato tanto e nel finale, grazie alla caparbietà dei padroni di casa, mai domi, sono incappati nella seconda sconfitta consecutiva.

In una serata indimenticabile, si è vista una Reggina in salute, che sta continuando a stupire con i 16 punti conquistati, che le hanno permesso di raggiungere il settimo posto – dietro squadre che ambiscono al salto di categoria – di una classifica che si sta facendo interessante per i ragazzi guidati del tecnico di Colleferro, sempre più artefice in positivo, per la squadra dello Stretto, di questo primo scorcio di campionato.

Unica nota stonata, da condannare, la coreografia – se così si può definire – della Curva Sud, esposta nel secondo tempo della gara, che oltre ad essere stata di pessimo gusto, ha suscitato sdegno, non avendo nulla a che fare con la sana rivalità tra le due tifoserie, che ha sempre costituito il momento goliardico migliore del derby.

  •   
  •  
  •  
  •