Serie A, il Napoli vince anche con il Cagliari. La Juventus è chiamata a rispondere

Pubblicato il autore: Giovanni Smaldone Segui

Settima giornata di serie A e ancora una vittoria per il Napoli. Domato facilmente ad ora di pranzo il Cagliari con l’ennesimo 3 a 0 di stagione. Squadra convinta dei suoi mezzi e subito in grado di indirizzare la partita a proprio favore con il goal , finalmente, di Marek Hamsik. Adesso 1 solo goal lo divide da Diego Armando Maradona, non proprio uno qualunque. Attenzione a non farsi prendere da facili entusiasmi (cosa che succede molto spesso a Napoli). Il calendario non ha fornito fino ad ora veri e banchi di prova per la truppa di Sarri a parte la partita dell’olimpico contro la Lazio, vinta meritatamente ma con la squadra di Inzaghi costretta a perdere tutta la difesa all’inizio del secondo tempo.

A parte le statistiche (almeno 3 goal a partita, 12 vittorie di fila se si considera anche la scorsa stagione) quello che sembra cambiato è lo spirito con cui si affrontano certe partite. Il Napoli entra in campo convinto dei propri mezzi, consapevole di quello che deve fare. Dopo la sconfitta in Champions contro lo Shakhtar la squadra ha decisamente cambiato marcia ritrovando lo smalto del finale della scorsa stagione. Un anno in più di lavoro con Sarri si fà sentire e gli automatismi migliorano.

Leggi anche:  Infortunati Serie A: gli indisponibili della 5 giornata

L’unico dubbio è la condizione atletica che, a causa della preparazione anticipata, potrà venir meno subito dopo Natale. Ma, come si sa, la testa supplisce anche alla mancanza delle gambe. E continuare a vincere non fa altro che mettere carburante fresco nella truppa azzurra. Dovesse arrivare anche qualche risultato negativo da parte della Juve, allora davvero l’entusiasmo che si scatenerebbe a Napoli potrebbe essere decisivo.

La Juventus dicevamo… A mio avviso ancora quest’anno è la squadra di Allegri la favorita per lo scudetto. Sul lungo periodo l’allenatore bianconero ha una qualità che Sarri sembra non avere, il pragmatismo; è capace di puntare dritto al risultato senza andare a badare al gioco. Questo in un campionato come la Serie A conta parecchio, soprattutto in primavera quando le partite iniziano a essere decisive. Ma stasera affronta l’Atalanta a Bergamo.

Probabili formazioni Atalanta Juventus

Papu e compagni sono reduci da un’altra mezza impresa a Lione e , si sà, quando arriva la Juventus è sempre una partita speciale. Lo stadio sarà infuocato e servirà massima concentrazione alla squadra di Allegri per portare a casa 3 punti. Perchè quelli servono, 3 punti. 

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Torino-Lazio: streaming e diretta tv DAZN o SKY?

Lasciare scappare il Napoli significherebbe caricare a pallettoni gli azzurri. Ricordiamoci che adesso c’è la sosta e 15 giorni possono essere lunghissimi se si è costretti a guardare i tuoi avversari che si godono il primato. Essere secondi fino alla prossima giornata, senza la possibilità di recuperare subito, potrebbe innescare nella truppa di Allegri un pò di insicurezza che non fa mai bene. E poi al rientro c’è subito la Lazio da affrontare dopo la sosta che porta via giocatori e li riporta indietro o troppo tardi o molto spesso malconci.

Stasera la Juventus è chiamata a rispondere alla vittoria del Napoli e a confermare che è ancora lei la favorita. Non c’è campo migliore per testare le proprie possibilità. I nero azzurri di Gasperini sono una squadra tosta, che fa del ritmo la sua arma principale. Riuscire ad uscire dal pressing bergamasco sarà per la Juventus una sfida fondamentale, sia per vincere la partita che per “allenarsi” in vista degli impegni più probanti in Europa. Al Camp Nou la Juve è uscita con le ossa rotte proprio perchè non è stata in grado di gestire i palloni sporchi da giocare sotto pressione. Stasera ce ne saranno parecchi e gestirli sarà la chiave del match.

Leggi anche:  Fiorentina-Inter: quella volta che....Borgonovo decide la gara a tempo scaduto

Mi aspetto una grande prova da Rodrigo Bentancur. Se anche stasera metterà in luce le sue qualità allora vorrà dire che siamo davvero davanti ad un giocatore importante.
Tutta la Juve è chiamata a non fallire.
Appuntamento ore 20.45 stadio Atleti Azzurri d’Italia; pizza, birra e bel calcio!!
Ci sarà da divertirsi

  •   
  •  
  •  
  •