9 novembre 1988: nasce il Milan di Arrigo Sacchi

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Milan

29 anni fa nasceva la leggenda del Milan di Sacchi

29 anni fa dalla nebbia del Marakanà nacque il mito del Milan di Sacchi. Nella seconda metà del ventesimo secolo tre squadre hanno segnato un solco nella storia calcistica. Negli anni ’50 c’è stato il Real Madrid di Puskas, Gento e Di Stefano. Negli anni ’70 l’Ajax di Cruyff e Michels. Alla fine degli anni ’80 il Milan degli olandesi e di Arrigo Sacchi. Ognuna di queste squadre ha avuto una partita che è stata decisiva per il futuro di ognuna di loro. Non c’è dubbio che il giorno, anzi i due giorni, fondamentali per il Milan di quell’epoca furono il 9 e il 10 novembre 1988. I rossoneri sono campioni d’Italia dopo aver battuto in volata il Napoli di Maradona. Baresi e compagni si presentano ai nastri di partenza della Coppa dei Campioni con grandi ambizioni. Il primo turno è superato di slancio contro i bulgari del Vitocha( oggi Levski Sofia). Al secondo turno si va ancora ad est, ma l’avversario è molto più ostico: la Stella Rossa di Belgrado. I campioni di Jugoslavia hanno gente del calibro di Prosinekci, Stojkovic e Savicevic tra le loro fila.

Leggi anche:  Coppa del Re, dove vedere Rayo Vallecano Barcellona, streaming e diretta TV in chiaro?

La Crvena Zvezda si conferma avversario di altissimo livello. Il 26 ottobre 1988 l’andata a San Siro finisce 1-1. Ospiti in vantaggio con Stojkovic, dopo un minuto il pareggio di Pietro Paolo Virdis.”Al ritorno servirà un’impresa”, così mormorano i tifosi rossoneri lasciando San Siro quella sera. La Stella Rossa di Belgrado gioca le partite interne al Marakanà, uno stadio che farebbe tremare i polsi a chiunque. La partita di ritorno non sarà un’impresa, sarà leggenda.

9 novembre 1988, il Milan di Sacchi diventa leggenda

Si gioca il pomeriggio del 9 novembre 1988 a Belgrado. Il Milan gioca male, Virdis viene espulso. Cala sempre più fitta e inesorabile la nebbia. Ad un certo punto il boato di quelli che riescono a vederlo scuote il Marakanà. Ha segnato Savicevic, Stella Rossa in vantaggio. Al 17′ del secondo tempo però l’arbitro Pauly si rende conto che la visibilità è troppo ridotta e ferma il gioco. Si aspetta, ma la nebbia non va più via. Partita sospesa e rinviata al giorno dopo. Si consultano i regolamenti. Virdis non può giocare, neanche Ancelotti diffidato ed ammonito. Gullit si allena in albergo per smaltire un problema al ginocchio.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Spal: streaming gratis e diretta tv Rai 1?

La partita ricomincia da zero il primo pomeriggio del giorno successivo, 10 novembre 1988. Gullit parte dalla panchina. Sacchi fa giocare un giovanissimo, Graziano Mannari. I rossoneri sembrano trasformati rispetto al giorno prima. Al 34′ segna Van Basten, ma quattro minuti dopo pareggia Stojkovic. A inizio secondo tempo c’è un  clamoroso autogol di Vasiljevic, ma nessuno della terna arbitrale. Non contento il rude difensore della Stella Rossa entra proditoriamente con il gomito alto su Donadoni. Mandibola rotta per il povero Roberto. Entra Gullit. I rossoneri giocano una grande partita, ma il tanto sospirato gol non arriva. Si vai ai supplementari, poi ai rigori. Per la Stella Rossa sbagliano Mrkela e Savicevic. Per il Milan segnano Baresi, Van Basten, Evani e Rijkaard. Il gol del tulipano nero ammutolisce il Marakanà. I giocatori rossoneri si abbracciano, Sacchi è quasi commosso. Un presagio di quello che accadrà poi il 24 maggio 1989 al Camp Nou di Barcellona. 4-0 alla Steaua Bucarest e il Milan che torna campione d’Europa a vent’anni di distanza dall’ultima volta.

Leggi anche:  Mercato Milan, i rossoneri cercano il vice Hernandez

Si è parlato di fortuna, si è parlato di destino. In questi ultimi 29 anni della nebbia di Belgrado si è detto e scritto di tutto e di più. La verità è che ogni tifoso del Milan che ha assistito a quell’Odissea calcistica non può che sorridere al solo sentire le parole nebbia e Belgrado nella stessa frase. Le grandi squadre hanno spesso il favore degli dei. Quel pomeriggio del 9 novembre 1988 è nata la leggenda del Milan di Arrigo Sacchi. Gli immortali.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: