Ana Rosenfeld, avvocato di Wanda Nara: “La separazione con Maxi Lopez non fu colpa di Mauro Icardi”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

icardi

Il triangolo amoroso Mauro Icardi-Wanda Nara-Maxi Lopez va avanti ormai dal 2013 a colpi di continue dichiarazioni e provocazioni da parte dei protagonisti. Dopo la fine di un matrimonio di cinque anni con il biondo attaccante dell’Udinese, la prorompente modella argentina scelse l’amore del capitano dell’Inter. Accusato di aver tradito il suo amico e di essere la causa della fine del loro matrimonio, Mauro Icardi ha ricevuto numerose critiche in questi anni dai suoi colleghi argentini e soprattutto da Diego Armando Maradona, che ha condotto una vera e propria campagna mediatica per non fargli indossare la maglia della selecciòn argentina. Ora la coppia è felicemente sposata, ha visto la nascita di due figlie , Wanda Nara cura con successo gli interessi commerciali e sportivi del marito.

Leggi anche:  Inter, partita perfetta contro la Juventus con un Vidal ritrovato

La battaglia con Maxi Lopez non accenna a placarsi ed è finita ormai pure nelle aule del tribunale per una questione di divulgazione dei dati senza consenso. Wanda continua a sostenere che la rottura del suo primo matrimonio sia stata indotta dai continui tradimenti del trentatreenne ex-marito dopo la nascita del loro terzo figlio. Ana Rosenfeld, avvocato , ha voluto ribadire la posizione della sua assistita in un’intervista al quotidiano argentino La Nacion: “Wanda Nara è la mia miglior alunna. La verità è che non era felice con Maxi e, nonostante tutto quello che ha subito, ha provato a sopportare per un po’ di tempo solo per i bambini. Mauro non c’entra niente nella loro separazione. Wanda era economicamente solida, in grado di occuparsi di sè stessa e dei bambini. Lei e Icardi insieme sono perfetti, sul piano economico ben messi perchè sa amministrare bene le loro finanze. Mi hanno detto che hanno un conto bancario cointestato e hanno acquistato ultimamente delle proprietà a nome di entrambi.”

  •   
  •  
  •  
  •